Napoli eccelle nella raccolta differenziata. In alcune zone arriva al 71%

differenziata

La raccolta differenziata a Napoli è al 28 per cento, ma ci sono zone della città che eccellono. Nei quartieri dove si effettua il “porta a porta” si arriva ad una media del 56 per cento, con il 71 per cento ai Colli Aminei e il 64 per cento nei Quartieri Spagnoli.

Secondo i dati forniti dal vicesindaco di Napoli Tommaso Sodano e dal presidente di Asia Raffaele Del Giudice, il porta a porta serve circa 300mila abitanti, mentre il resto della cittadinanza, circa 700mila persone, usa il sistema “misto stradale/ domiciliare”, che riguarda la raccolta differenziata a casa della carta, la raccolta nelle campane e nei cassonetti.

Sono dati positivi – ha detto Sodano – ma c’è ancora da lavorare“, perché “i cittadini non danno la giusta attenzione“, alla raccolta in strada. Per quanto riguarda la raccolta ci sono ancora delle lacune e come ha dichiarato Sodano, “stiamo sopperendo con l’incremento delle isole ecologiche che entro l’anno diventeranno sette e l’aggiudicazione delle due gare, tra giugno e luglio, per la raccolta per le utenze commerciali del cartone e l’impianto per il trattamento dell’umido a Scampia“.

Il Comune sta pensando ad un sistema per premiare i cittadini che utilizzano le isole ecologiche che si trasporterà sulla bolletta della Tari. I napoletani una volta lasciati i rifiuti presso le isole, mostrando la propria tessera sanitaria, accumuleranno dei punti che porteranno loro dei vantaggi sul costo della tassa sulla spazzatura.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più