Una mappa interattiva delle aree balneabili: bollino verde a Pozzuoli dopo 30 anni

Rione Terra Pozzuoli

Dopo il fortunato exploit delle coste napoletane, di cui l’81% è stato dichiarato balneabile, ora anche il mare di Pozzuoli è stato dichiarato balneabile dall’ARPAC. Ricordiamo che i criteri di valutazione del monitoraggio dell’ARPAC si basano sulla pulizia complessiva del litorale, sulla presenza o meno di determinati batteri e sulla condizione delle strutture poste a garanzia del paesaggio.

Quindi, secondo i recenti campionamenti dell’acqua eseguiti dall’ente e pubblicati sul sito ufficiale, il tratto di costa da La Pietra fino al Rione Terra sul lungomare Sandro Pertini è balneabile, mentre, invece, rimane vietato tuffarsi sul tratto successivo, cioè quello dal molo Caligoliano al pontile della zona di Arco Felice. Una grande vittoria per la nostra terra, che da oggi può vantare un nuovo tratto di costa privo di “bandiere nere”, ma, sopratutto, per tutti i puteolani che potranno godere del bellissimo mare sotto le loro case senza dover infrangere alcun divieto.

Dunque si riducono sempre di più le bandiere di divieto di balneazione lungo tutta la Campania: rimangono off-limits le zone di Marina Grande-Lato Est a Sorrento, i tratti antistanti la villa comunale e l’ex Cartiera a Castellammare di Stabia, le località Nord Foce Sarno, Molo di Ponente e Villa Tiberiade a Torre Annunziata, l’ex Bagno Risorgimento e La Favorita a Ercolano. Sul territorio comunale di Napoli, invece, per l’eccessivo inquinamento è ancora vietato bagnarsi a Pietrarsa, San Giovanni a Teduccio, nell’intero tratto di Bagnoli/Coroglio e nelle rade portuali del molo Pisacane, Beverello e Mergellina-Porto imbarchi.

Per maggiori informazioni, o per dubbi su dove passare una tranquilla giornata al mare, è possibile consultare anche la mappa dell’ARPAC su tutte le coste balneabili in Campania.

Clicca qui per la mappa delle aree balneabili.

Potrebbe anche interessarti