Leggende in Lingua Napoletana: ‘A Sirena Partenope: comme nascette Napule

Storia leggenda fondazione di Napoli Partenope

Proteggiamo la nostra storia, la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre storie, la nostra lingua. La città di Napoli è ricca di racconti e leggende, tramandati per via orale in lingua originale, ma scritti quasi esclusivamente in Italiano, fattore che fa loro perdere fascino, significati e carica emotiva, e allora ecco che in questa rubrica potete leggere le leggende napoletane raccontate in Napoletano, un’operazione che sembra facile ma non lo è affatto, perché anni di studi e utilizzo dell’Italiano non possono che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti.

Questa volta raccontiamo la storia della sirena Partenope, sul cui sepolcro fu fondata la città di Napoli. Vedremo come le sirene fossero, in realtà, figure dalla testa di donna e il corpo di uccello, così come vuole la tradizione omerica. Le sirene metà donna e metà pesce, invece, nascono soltanto nel Medioevo e si sovrappongono a quelle di Omero, grazie a un errore di fondo che consiste nell’associare delle creature, parte donne e in parte animali, che vivevano su un arcipelago (Sirenusse o Li Galli) necessariamente a esseri marini. Ciò che davvero ci importa, tuttavia, è la conoscenza delle nostre origini, le quali possono anche mischiarsi con la fantasia: cosa più delle leggende, infatti, caratterizza l’identità e lo spirito di un popolo? Smettiamola adesso di divagare, e raccontiamo.

‘A Sirena Partenope: comme nascette Napule

Napule è na città ca tene quase tremila anne; essa, e sulo poca ggente ‘o ssape, è cchiù vecchia ‘e Roma e comme nascette ce ‘o ddice ‘o cunto d”a sirena Partenope.

Partenope, Ligeia e Leucosia erane tutt’e tre figlie d”o ciummo Acheloo e d”a musa Calliope. Chesti figghiole erane belle quanto ‘o sole, ma Partenope era ‘a cchiù bella e sapeva cantà accussì bbuono ca faceva ncantà ‘a tutte ‘e perzone câ sentevane. Esse erane l’ancelle ‘e Persefone, figlia a Demetra, e quanno Ade s”a purtaje dint’ all’Inferi ‘a dea s”a pigliaje cu ‘e gguaglione, facennole addeventà aucielli rapace câ capa ‘e femmene.

Esse stevene pê zzone ‘e chella ca ogge chiammame ‘a penisola ‘e Surriento, e se putevane truvà spisso ncoppo a Li Galli, o Sirenusse (ca vò dicere “scogli d”e sirene), tre isolotti ca mo stanne dirimpetto a Positano. Omero dice ca llà avette da passà Ulisse, ma Circe, ‘a strega, le dette n’avvertimento: quanno ‘a luntano se ncuminciavane a vedè ‘e Sirenusse, isso e ‘e cumpagne suoje s’avevane d’appilà ‘e rrecchie cu nu poco ‘e cera, pecché ‘o canto d”e sirene faceva ittà l’uommene a mare e murevane affucate, tant’era overo ca vicino a chelli tre ce steva nu muntone ‘e cuorpe muorte, fracete e fetuse. Isso, si ‘e vuleva sentì ‘e cantà, s’aveva da fà attaccà stritto stritto all’albero d”a nave, in modo ca ‘e niscina manera se putesse movere, e si pregava pe se fa sciogliere ‘e ccorde s’avevane da radduppià.

Ulisse
Vaso ateniese, (VI- inizi V secolo a.C.), scena di Ulisse con le sirene.

Propio accussì facette Ulisse e fuje cchiù forte d”o canto d”e ssirene, ca pâ collera se lassajene affucà. ‘A currente d”o mare se purtaje a Leucosia nu poco cchiù bascio ‘e Posidonia, o Paestum, addò oggi se trova appunto Licosia; Ligeia a Terina, na città ncoppo ‘e coste d”a Calabria, e Partenope a Megaride, l’isolotto ‘e Castel dell’Ovo. Propio llà ‘e Cumani, ca po venevane da l’Eubea (in Grecia), pecché era nu posto prutiggiuto dâ sirena scigliettene ‘e fà nascere chesta città ca lle dettero ‘o stesso nomme d”a vergine, Partenope. Era ‘o seculo Settimo primma ‘e Cristo.

Napoli, Pizzofalcone e Castel dell'Ovo. Opera di Giacinto Gigante
Napoli, Pizzofalcone e Castel dell’Ovo. Opera di Giacinto Gigante

‘A ggente nun se mettette sulamente ncoppo Megaride, ma pure ncoppo ‘o Monte ‘e Ddio (ditto pure Monte Echia o Pizzofalcone) ca se trova facceffronte a essa; primma d”a culata a mare a partire d”o 1869 (milleottucientosissantanove) se vedeva ancora bbuono quale puteva essere ‘a città ‘e Partenope, ma ogge l’uocchie nuoste se trovano annanze palazzi, cemento e nun tenimme cchiù manco ‘a rena. Appriesso Gerone, ‘o signore ‘e Siracusa e alleato ‘e Cuma, cacciaje fora l’Etruschi dô Golfo e facette allargà Partenope: ‘a zona nova ‘a chiammaje Neapolis, ca significa “città nova”, mentre ‘a zona vecchia era Palaeopolis, “città vecchia”. Sia chilli ca stevene ‘e casa a Palaeopolis ca chilli ‘e Neapolis erano Partenopei, comme ancora ogge so’ chiammate tutte ‘e Napulitani.

Pe tanta secule ‘a sirena Partenope è stata amata e venerata da ‘e Napulitane, nzieme a Virgilio poeta e mago, e tutti ‘e dduje erane a prutezione d”a città. Partenope era na madre ca deva abbuddanza, stutava ‘a raggia d”o Vesuvio cu ll’acqua ca l’asceva pe ‘o pietto e, siconno ancora n’ata leggenda, fuje essa a regalà ‘a pastiera ‘e grano ascenno ‘a dint’ ll’acqua d”o mare e facenne vedè comme se priparava. Cchiù appriesso Santa Patrizia pigliaje ‘o posto ‘e Partenope, ca era na figura pagana e era proibbito d”a venerà, però i Napulitani, ‘e figli suoje, nun se l’hanne maje scurdata.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più