Nel Salernitano: uomo fa esplodere l’appartamento e uccide la compagna

 

Immagine di repertorio

Salerno – È successo nel salernitano, precisamente a Sala Consilina. Un ennesimo femminicidio che ha tolto la vita ad una donna e mamma romena di 32 anni.

Il protagonista di questa immane e assurda tragedia è stato il suo convivente, un italiano di 48 anni. L’uomo avrebbe prima aggredito la donna e dopo avrebbe appiccato il fuoco nell’appartamento dovo convivevano, con due taniche di benzina comprate in precedenza.

Inutili sono stati i soccorsi. Infatti la donna trasportata d’urgenza al centro grandi ustionati del Cardarelli è morta nella notte per le gravissime ustioni e ferite riportate. Anche l’uomo è rimasto ferito dall’esplosione, in maniera lieve ed è stato ricoverato nell’ospedale di Polla.

Per fortuna sono rimasti illesi i tre figli della coppia, che stavano giocando all’esterno dell’abitazione.

Dalle prime ricostruzione delle forze dell’ordine, l’uomo è accusato di omicidio volontario premeditato e a condurlo a questo gesto estremo sarebbero stati i continui litigi della coppia.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più