Ottaviano: confermato il fine pena mai per i due carabinieri assassini

NAPOLI – Un tentato furto trasformatosi in tragedia. Il 25 marzo del 2015, i due carabinieri Iacopo Niccheto e Claudio Vitale, nel tentativo di rapinare il supermercato “Etè” di Ottaviano, diedero vita ad una tragedia. Il bilancio fu di un morto, il ventottenne Pasquale Prisco, figlio del proprietario del supermercato, e 9 feriti.

La Corte di Assise del Tribunale di Napoli ha confermato la sentenza di primo grado pronunciata nel luglio del 2016 dal Tribunale di Nola, nella quale i due carabinieri furono ritenuti colpevoli di rapina, inseguimento e sparatoria.

A nulla è servita la ricostruzione dell’evento da parte degli avvocati difensori, che hanno descritto la sparatoria come un atto di legittima difesa, in seguito agli spari di Pasquale Prisco ad indirizzo dei due carabinieri durante l’inseguimento. Confermato, pertanto, il fine pena mai per Iacopo Niccheto e Claudio Vitale.

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy