Ufficiale: dopo dieci anni la Sanità Campana non è più commissariata

sanità campana

Ci sono voluti dieci anni ma finalmente da ieri la Sanità Campana non sarà più commissariata. L’annuncio arriva dal presidente della Regione Vincenzo de Luca con un post su Facebook.

Già nei giorni scorsi la notizia era nell’aria. Ieri sera è arrivato anche il timbro della presidenza del Consiglio dei ministri. Queste le parole del governatore:

Il Consiglio dei Ministri ha decretato la fine del commissariamento. Dopo dieci anni per la Campania è un risultato storico, che apre una nuova stagione per la Sanità campana. Ringrazio il Governo, il Presidente del Consiglio, i ministri dell’Economia e della Salute. E ringrazio vivamente le centinaia e centinaia di dirigenti, medici, dipendenti che con il loro impegno hanno consentito di raggiungere questo risultato straordinario. Faremo nei prossimi giorni un’assemblea per ringraziare tutti, e per rilanciare nuovi obiettivi di avanzamento nell’organizzazione sanitaria”.

Tante le battaglie vinte e gli obiettivi raggiunti secondo De Luca, che ricopre anche il ruolo di assessore alla Sanità. Tra questi il risanamento finanziario delle Asl, alcune delle quali non avevano i bilanci approvati dal 2013. E soprattutto l’innalzamento dei Livelli Essenziali di Assistenza da 106 del 2015 a 170 del 2018. Un dato sicuramente in aumento nel 2019. Inoltre è stata rilanciato la rete ospedaliera, le grandi eccellenze della nostra ricerca medica, ma anche molte realtà territoriali che erano state completamente abbandonate.

Numeri importanti che vedono la sanità della Regione Campania essere puntuale anche nei pagamenti ai fornitura con una media che supera di poco il mese: 38 giorni. Ma che è comunque la prima in Italia, davanti alle Regioni del Nord. Anche qui la media nel 2019 delL’sl Napoli 1 è stata ridotta, pagando nel 2019 a 32 giorni.

Potrebbe anche interessarti