Terra dei Fuochi, colti in flagrante mentre incendiavano pneumatici e plastica

terra dei fuochiLa zona della cosiddetta “Terra dei fuochi” continua ad essere martoriata da incendi. I Carabinieri della Stazione di Parete, nel corso di un servizio di controllo notturno del territorio, in località Centore del Comune di Trentola Ducenta, hanno notato un’imponente colonna di fumo innalzarsi da un terreno privato posto all’interno di una stradina interpoderale.

Terra dei Fuochi – incendi ogni giorno

L’immediato intervento ha permesso ai militari dell’Arma di sorprendere, in flagranza di reato, due persone intente ad incendiare rifiuti di vario genere tra i quali pneumatici, plastiche varie, materiali provenienti da demolizioni e sterpaglie.

Sul posto sono altresì intervenuti i Vigili del Fuoco di Aversa. L’intera area è stata sottoposta a sequestro. Le due persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Napoli Nord per combustione illecita di rifiuti.

La preoccupazione è elevata, non soltanto per i numerosi incendi che avvengono quasi quotidianamente, ma soprattutto per il vasto incendio avvenuto nella zona di Carinaro Teverola la scorsa settimana. I livelli di diossina nell’aria, subito dopo il rogo, superiori alla norma. I dati sono stati analizzati dall’Arpac Campania: “Gli esiti analitici, relativi a un periodo di campionamento di 24 ore tra il 16 e il 17 settembre, riportano un valore di concentrazione di diossine e furani (PCDD-PCDF) in aria campionata pari a 2,46 pg/Nm3 I-TEQ.

Non sono presenti limiti di riferimento imposti dalla legislazione per la concentrazione di diossine in aria ambiente; un valore di riferimento correntemente utilizzato dalla comunità scientifica è quello proposto dal LaenderausschussfuerImmissionsschutz (LAI – Germania), pari a 0,15 pg/Nmc. La concentrazione riscontrata nel campionamento del 16-17 settembre risulta superiore al suddetto limite di riferimento“.

Potrebbe anche interessarti