Camorrista in diretta su TikTok dal carcere: ha ucciso un ragazzo innocente

diretta carcere camorrista
Camorrista in diretta su TikTok dal carcere

Dirette social dalla cella del carcere in cui è detenuto per l’omicidio di una persona innocente. A rilanciare sui social il filmato che testimonia tutto sono il consigliere regionale Borrelli e il giornalista Pino Grazioli, al quale era giunta la segnalazione da parte di una donna. Un killer di Pianura ha infatti pubblicato su TikTok la diretta girata all’interno della sua cella in collegamento con la sua compagna: nelle immagini è possibile vedere la finestra con le grate, oltre che la porta blindata.

Killer di camorra in diretta su TikTok dal carcere: ha ucciso un innocente

Si tratterebbe di Maurizio Legnante, detto ‘o Talebano. Costui si trova in carcere per la morte di Raffale Pisa, ucciso il 13 dicembre 2016 a 32 anni: le indagini hanno chiarito che il giovane era estraneo a dinamiche malavitose. Allora era in corso la guerra tra due clan del quartiere napoletano, i Mele ed i Pesce-Marfella. Francesco Emilio Borrelli ha annunciato di avere già chiesto l’avvio di un’indagine per verificare il tutto e scoprire, eventualmente, in che modo il detenuto sia riuscito ad ottenere il telefono cellulare.

Cellulari nei carceri italiani: i casi non sono isolati

L’introduzione di telefoni cellulari nei carceri italiani non è purtroppo una questione nuova. In tempi abbastanza recenti, ad esempio, è stato scoperto un giro di telefoni all’interno del carcere di Secondigliano: per ben due volte gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno intercettato dei droni con dispositivi e schede sim pronte all’uso.

Attraverso i cellulari i detenuti non solo possono restare in contatto con i familiari, ma soprattutto possono dirigere gli affari dei clan di camorra nonostante non si trovino in libertà. Dalle celle dei penitenziari riescono in tal modo a conservare il proprio ruolo all’interno delle organizzazioni criminali: la pena è soltanto una parentesi prima di ritornare a delinquere una volta scarcerati.


Potrebbe anche interessarti