Ordigno distrugge negozio: titolare nega minacce della camorra

Vigili del fuoco

Questa notte un ordigno ha distrutto un negozio di arredi sacri ad Afragola, nel napoletano. L’esplosione è avvenuta intorno alle 2.30 ha provocato un foro nel sottoscala del negozio, sito in via Tasso al civico 18. L’ordigno, definito dalla Polizia “più di una bomba carta”, ha danneggiato anche alcune auto in sosta ed lo store adiacente.

Secondo gli inquirenti dietro questa esplosione si cela l’ombra del racket anche se la titolare del negozio ha dichiarato di non aver mai ricevuto richieste di estorsioni. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco e gli agenti del Commissariato di Afragola, che stanno indagando per cercare di fare chiarezza sull’accaduto.

Secondo quanto riportato da Il Corriere del Mezzogiorno, il primo cittadino di Afragola, Domenico Tuccillo, ha dichiarato “Auspichiamo che le forze di polizia impegnate nelle indagini facciano piena luce sull’esplosione dell’ordigno avvenuta in via Tasso. Preoccupa la violenza dell’attentato avvenuto nella notte, con cui si tenta di colpire le attività produttive del territorio”. Ed aggiunge “Intendo esprimere la volontà dell’amministrazione di contrastare con ogni mezzo la strategia delle intimidazioni per tutelare  le attività imprenditoriali afragolesi, garantendo allo stesso tempo la sicurezza dei cittadini”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più