Rapina un bar, l’avvocato lo difende: “Aveva la mascherina per tutelare la salute delle vittime”

rapina mascherina
Immagine di repertorio

Il mio cliente ha rapinato il bar indossando la mascherina per tutelare la salute delle vittime“. Può sembrare una battuta ma è la linea difensiva di un avvocato che ha provato a giustificare il suo assistito davanti la Corte di Appello di Napoli. L’uomo, un 34enne incensurato, era stato infatti condannato in primo grado a sei anni e sei mesi di reclusione per un colpo messo a segno in un bar.

RAPINA UN BAR CON MASCHERINA, L’AVVOCATO LO DIFENDE: “VOLEVA TUTELARE LA SALUTE DELLE VITTIME”

Rapina che era avvenuta a mano armata con un complice e indossando la mascherina per coprire metà volto. La tesi dell’avvocato però era diversa: la mascherina serviva al suo assistito soprattutto per proteggere le vittime dal covid in un periodo in cui il virus circolava molto. Insomma il rapinatore voleva solo tutelare la salute delle persone presenti nel bar. Questa linea non ha convinto i giurati che hanno comunque condannato l’uomo anche se con uno sconto di pena (due anni con pena sospesa) ma solo perché non aveva in passato commesso altri reati. Al suo complice invece è stata confermata la condanna inflitta dai colleghi di primo grado.

Proprio a fine gennaio la Corte di Cassazione si era espressa su un reato simile, un uomo che aveva compiuto una rapina indossando la mascherina. La pronuncia era stata chiara: il reato di rapina è aggravato se compiuto indossando la mascherina. E’ corretta l’aggravante dal momento che il nesso di “occasionalità necessaria” della rapina effettuata indossando la mascherina esclude la possibilità di ritenere quest’ultima condotta alla stregua di mero adempimento del dovere disposto dalle misure per contenere il covid.

Potrebbe anche interessarti