A Bagnoli tornano movida e parcheggiatori: “Istituzioni avvertite, nessuno è venuto”

Questa mattina il “Comitato di  Vivibilità cittadina”, attraverso un lungo post sulla propria pagina Facebook, ha aspramente criticato l’operato delle istituzioni. La critica riguarda il dilagante problema dei parcheggiatori abusivi. Infatti, secondo la cronaca, dietro questo fenomeno dilagante si celerebbe la longa manus della camorra.

Ieri si è tenuto il primo dei cinque eventi in programma, all’Arenile, storico locale del quartiere di Bagnoli. Proprio durante queste manifestazioni i parcheggiatori abusivi realizzano i loro affari d’oro. La tariffa è di ben 5 euro per ogni singola macchina. Pur parcheggiandole nelle condizioni più disparate, anche in seconda fila, creando così disagi per la circolazione.

Il Comitato ha segnalato che a Bagnoli, nel corso del tempo, si sono verificati episodi estremi che hanno portato alla morte di alcuni ragazzi, durante queste serate. Così come si sono verificati episodi di cronaca in altre zone del Napoletano. Infatti proprio ieri sera, in un’altra zona della movida, quella dei baretti, un ragazzo è stato accoltellato. 

Proprio per questo motivo il Comitato ha deciso di protestare in maniera pacifica, per far sentire la propria voce, la propria presenza, evidenziando il proprio disagio di fronte all’assenza ed al silenzio delle istituzioni. Nell’ultima parte del comunicato arriva l’aspra critica perché, sostiene ancora il comitato, che se le istituzioni sono assenti, allora è giusto che parte della popolazione si organizzi per auto tutelarsi. Anche per un obbligo morale nei confronti di chi non riesce a tutelarsi da solo.

Di seguito il post su Facebook del Comitato:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più