Video. Pino Aprile racconta i massacri al Sud e Izzo conclude: “Scurdammece ‘o passato”

Pino Aprile, ospite ieri a Made in Sud ha fatto commuovere e al tempo stesso inorgoglire tutti i meridionali. Giornalista e scrittore da sempre studioso della vera storia del Meridione, spesso taciuta da chi scrive i libri di storia, ha raccontato in appena pochi minuti le gioie, le disgrazie, il potere e le sfortune di un Meridione sciupato, derubato e martoriato da chi, ancora relativamente arretrato, ha preferito offendere una porzione d’Italia così ricca anziché prenderne esempio.

Dalle parole di Pino Aprile si evidenza come la decadenza  dell’Italia Meridionale cominci proprio all’alba dell’Unità d’ Italia, nel 1861 quando “arrivarono i piemontesi e qualcosa cambiò”. Da quel momento la grandezza e la ricchezza di quello che era stato il Regno delle Due Sicilie declinò e venne depauperato drasticamente. Fu proprio da quell’anno in poi che il Meridione venne spento della sua luce, massacrato e saccheggiato.

Al termine della sua pregnante argomentazione storica il comico Biagio Izzo, probabilmente per smorzare i toni e riprendere l’atmosfera comica e leggera che caratterizza il programma, ha detto: “scurdammece ‘o passato”. Una frase conclusiva che a molti non è piaciuta e non pochi hanno criticato il comico, per la sua conclusione fuori luogo ad una disamina meridionalista così profonda.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più