Il Parco del Vesuvio a Giletti: “Faccia vedere le nostre spettacolari bellezze”

Massimo Giletti e la foto del Vesuvio che erutta il virus, arriva la risposta di Agostino Casillo, presidente dell’ente del Parco Nazionale del Vesuvio. “Sono rimasto sconcertato dall’immagine”, ha detto. Due giorni fa nella sua trasmissione in onda su La7 “Non è l’arena” il conduttore aveva mostrato un’immagine del nostro amato Vesuvio eruttare anziché lapilli di lava, frammenti di Coronavirus che schizzavano in aria qua e là.

Giletti alle accuse rivoltogli aveva prontamente risposto: “L’intento è di far capire che il virus è pericoloso come la lava, e quindi chi gioca a tirare in ballo la storia del razzismo è fuori strada completamente”. Che si creda a no alle sue parole, resta il fatto che scegliere un’immagine come quella possa far incappare in fraintendimenti e amarezze.

“L’idea di utilizzare il Vesuvio nascondeva l’intento di far capire che il virus è pericoloso come la lava e quindi chi…

Pubblicato da Non è l’Arena su Lunedì 30 novembre 2020

Non poco scalpore ha suscitato la visione di questo tremendo disegno, visto ovviamente come un’ulteriore offesa ai napoletani. Agostino Casillo per questo motivo ha deciso di rompere il silenzio scrivendo una lunga lettera al conduttore. “L’immagine del Vesuvio che purtroppo è stata data danneggia un territorio intero fatto di cittadini, piccole imprese, associazioni che come Ente Parco cerchiamo da sempre di supportare, e che in questo periodo di grande difficoltà stanno provando a rimanere a galla ed essere pronti per la ripartenza non appena la situazione della pandemia lo permetterà.

Sono sicuro che vorrà tenere in considerazione le mie parole. Il Vesuvio non è una minaccia ma una grandissima risorsa e sarebbe bello se nella prossima puntata della sua seguitissima trasmissione vorrà mostrare le immagini delle spettacolari bellezze del nostro territorio che se vorrà potrò fornirle con molto piacere”. Conclude poi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più