Nuovo dpcm, l’Italia divisa a colori: la Campania verso il giallo

Foto fb Confesercenti Napoli

Covid – le regioni nuovamente divise a colori. Da domani andrà in vigore il nuovo dpcm con le ulteriori regole anti covid da seguire fino al prossimo 5 marzo. Continuerà ad essere in vigore la differenziazione tra regioni in base ai colori giallo, arancione, rosso e anche bianco.

In base a questo nuovo decreto è stata inasprita la soglia per accedere alle zone con restrizioni: con Rt 1 o con un livello di rischio ‘alto’ o, ancora, con un’incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio moderato, si va in arancione, con Rt a 1,25 in rosso.

Sono molte le regioni che sono peggiorate in queste ultime settimana, facendo innalzare la soglia del loro indice di rischio. Da quanto riferisce l’Ansa, in base all’ultimo monitoraggio, con le modifiche introdotte dal decreto, solo 6 regioni rimarrebbero gialle: Abruzzo, Basilicata, Campania, Sardegna, Toscana e Valle d’Aosta.

Tutte le altre rischiano l’arancione, con la Lombardia e la Sicilia molto probabilmente in zona rossa. Se però a mandare in rosso la Lombardia sono i numeri, a far scattare le restrizioni più dure in Sicilia è la richiesta del presidente Nello Musumeci, che sarà accolta da Speranza.

Tra le misure adottate in questo nuovo dpcm c’è il divieto di spostamento tra le regioni (anche gialle) fino al 15 febbraio, divieto di asporto dalle 18 in poi, coprifuoco dalle 22 alle 5 e il divieto di passare da un comune all’altro se in zona arancione o rossa.

La Campania dunque in base all’ultimo monitoraggio dovrebbe essere in zona gialla ma, non è da escludere che il Presidente De Luca, per evitare ulteriori rischi – visto l’incremento dell’indice Rt (l’ultima volta era 0.8) – potrebbe decidere di far passare la propria regione in zona arancione, come aveva già auspicato.

Potrebbe anche interessarti