Non solo San Gennaro: Napoli ha 52 patroni! Ecco chi sono

San Gennaro 52 patroni di Napoli

San Gennaro e Santa Maria Assunta rappresentano per il popolo partenopeo i principali protettori della città. A Napoli esistono tanti altri Santi protettori che dal 1955 sono stati ufficialmente riconosciuti come compatroni dell’Assunta, tra i quali vi è lo stesso San Gennaro.

Non tutti sanno che a partire dai primi anni del Seicento a Napoli si è registrato un aumento record dei Santi patroni che attualmente ne sono ben 52, un record assoluto: pensate che al “secondo posto” vi è Venezia, che ne ha 25, cioè meno della metà di Napoli.

San Tommaso d’Aquino
Sant’Andrea Avellino
Santa Patrizia Vergine
San Francesco di Paola
San Domenico di Guzman
San Giacomo della Marca
Sant’Antonio di Padova
San Francesco Saverio
Santa Teresa d’Avila
San Filippo Neri
San Gaetano di Thiene
Sant’Agnello abate
San Severo Vescovo di Napoli
Sant’Agrippino Vescovo di Napoli
Sant’Aspreno primo Vescovo di Napoli
Sant’Eufebio Vescovo di Napoli
Sant’Atanasio Vescovo di Napoli
San Nicola di Bari
San Gregorio Armeno Vescovo e Martire
Santa Chiara d’Assisi
San Biagio Vescovo e Martire
San Pietro da Verona
San Giuseppe sposo di Maria Vergine
San Michele Arcangelo
San Francesco d’Assisi
Santa Maria Maddalena de’ Pazzi
San Giovanni Battista
San Francesco Borgia
Santa Candida Iuniore
Santa Maria Egiziaca
Sant’Antonio abate
Sant’Ignazio di Loyola
Santa Maria Maddalena
Santa Irene Vergine e Martire
Sant’Emidio Vescovo e Martire
San Raffaele Arcangelo
Sant’Anna madre di Maria Vergine
San Luigi Gonzaga
Sant’Agostino Vescovo e Dottore della Chiesa
San Vincenzo Ferrer
Sant’Alfonso Maria de’ Liguori
San Francesco Caracciolo
San Giovan Giuseppe della Croce
San Pasquale Baylon
San Francesco di Geronimo
San Rocco
San Gioacchino padre di Maria Vergine
Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe
Santa Lucia vergine e martire
Santa Geltrude
Santa Rita da Cascia

Non tutti i Santi patroni vengono onorati durante l’anno poiché nel 1973 entrarono in vigore le “Normae de patronis costituendis” con le quali si stabilì la riduzione del numero dei Santi patroni: “I patroni, sia principali sia secondari, costituiti in passato per particolari circostanze storiche, come pure i patroni scelti per situazioni straordinarie, per esempio la peste, la guerra o altra calamità, oppure a motivo di un culto speciale attualmente in disuso, d’ora in poi non devono più essere onorati come patroni”.

Potrebbe anche interessarti