De Magistris lancia la sua sfida a Salvini: “Se si vota nel 2019 mi candido Premier”

Ha le idee chiare Luigi de Magistris, sindaco di Napoli: che si dichiara pronto a scendere in campo per guidare un futuro Governo, in contrapposizione soprattutto a Matteo Salvini. Il primo cittadino partenopeo è intervenuto al programma radiofonico Un giorno da pecora, in onda su Rai Radio1: “Se si vota l’anno prossimo bisogna mettere in campo un’alternativa politica ed in quel caso potrei esserci, con un fronte democratico nazionale, una coalizione civica nazionale. Se riusciamo a far crescere questo fronte popolare democratico credo che noi ci saremo“.

Un premier “il contrario di questi qua“, spiega l’ex magistrato, perché “le alternative più convincenti vengono dal basso: da chi amministra sui territori, da chi li difende con associazioni, comitati e reti civiche, persone che hanno dimostrato in modo credibile di non tradire i valori costituzionali“. Un’alternativa, quindi, a Salvini che, seppur al Governo in condominio con i 5 Stelle, resta il leader politico che al momento raccoglie più consensi da parte degli elettori.

Infatti, alla domanda “Vorrebbe essere l’anti Salvini?” de Magistris ha risposto: “Si, perché lui costruisce il suo consenso sul rancore e l’odio verso gli altri mentre bisogna lavorare sulla coesione, la solidarietà e l’amore, non l’odio“. Poi, sulle parole del ministro dell’Interno sull’emergenza dei rifiuti che sarebbe mondiale: “L’emergenza mondiale semmai è Salvini…“.

Secondo norma le prossime Politiche esserci nel 2023, ma per il primo cittadino “si andrà al voto prima“. Punta dritto a Palazzo Chigi, il sindaco arancione, che sembra escludere, però, una sua candidatura alle Europee, visto che ha un mandato da sindaco fino al 2021. Discorso diverso per le Regionali: “Si voterà nel 2020 pochi mesi prima della fine del mio mandato. Un po’ ci sto pensando. De Luca ce la sta mettendo tutta per farmi candidare a presidente della Regione…“.

Inevitabili, infine, alcune domande sul rapporto con il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, e i lavori al San Paolo: “De Laurentiis dice ogni tanto che vorrebbe realizzare lo stadio da un’altra parte. Ma non si può che giocare a Napoli. Lui ha fatto qualche invettiva negli ultimi tempi. Allo stadio non ci vediamo da quando è venuto il Psg, ci parliamo solo negli incontri istituzionali. Per il San Paolo, stiamo facendo i lavori, un po’ alla volta, lo stiamo ristrutturando. De Laurentiis ha un po’ la mano tirata. Per lo stadio non ha cacciato un euro“.

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy