Video. Il presepe e la sua tradizione secolare raccontata da un napoletano

L’arte presepiale napoletana, in cui vi è la rappresentazione della nascita di Gesù ambientata nella Napoli del Settecento, si è mantenuta tutt’oggi inalterata per secoli, divenendo parte fondamentale delle tradizioni natalizie più seguite della città.

Inoltre, al giorno d’oggi, il presepe “classico” napoletano si è molto evoluto, difatti, sono sempre più frequenti gli artisti che hanno modernizzato l’arte presepiale, creando presepi sempre nuovi ed originali: presepi in miniatura, presepi all’interno di lampadine, presepi all’interno di una cozza e addirittura all’interno di una lenticchia e su una testa di spillo.

Ogni napoletano che si rispetti infatti, nella propria casa, ha un presepe. Fare il presepe, oggigiorno è importante (come lo era allora) perchè è un momento per riunire le famiglie ed un modo per far osservare ai più piccoli come veniva vissuta la vita un tempo.

Dunque non è più solo un simbolo religioso, ma uno strumento descrittivo, identificativo del popolo napoletano.

Noi di Vesuvio live abbiamo voluto approfondire il rapporto odierno tra un napoletano e il presepe, andando in casa di un costruttore ed amante dei presepi tradizionali, che ci ha dimostrato, attraverso gli apprendimenti di una vita e i suoi ricordi, la sua dedizione e tutto il suo amore per l’arte del presepe, raccontandoci anche alcuni aneddoti che forse non tutti i napoletani conosceranno.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più