Nuovo caso di meningite a Napoli, muore un medico di 40 anni

corsia ospedali

Un nuovo caso di meningite colpisce un medico di 40 anni di Napoli, ricoverato d’urgenza all’ospedale Cotugno nella notte tra il 30 e il 31 dicembre presentando febbre alta e i sintomi della meningite.

Poco dopo le sue condizioni si sono aggravate. I medici hanno appurato la meningite e hanno disposto un ricovero d’urgenza.

Esperto in malattie infettive, Crescenzo Di Stazio, chirurgo della clinica Villa dei Fiori di Mugnano di Napoli, è morto poco fa all’ospedale Cotugno di Napoli a causa di meningite da pneumococco non contagiosa.

I funerali sono in programma giovedì 3 gennaio alle 16 presso la chiesa di San Tammaro a Grumo Nevano.

Come si apprende sul sito Humanitas Research Hospital, le infezioni da pneumococco si contraggono per via aerea mediante il contatto con le secrezioni respiratorie, o la saliva delle persone, presenti nell’aria o con portatori sani di questo batterio, che può annidarsi nella parte posteriore del naso o nella gola.

Ad essere più a rischio di infezione sono i bambini di meno di 2 anni di età e quelli che vivono a contatto con altri bambini o che soffrono di alcuni problemi di salute (anemia falciforme, infezione da HIV, malattie cardiache). Fra gli adulti è invece più a rischio la popolazione over 65 e chi soffre di patologie croniche o che indeboliscono il sistema immunitario, i fumatori, i portatori di impianti cocleari e chi ha perdite di liquido cerebrospinale.

Ma come per il meningococco, anche per lo pneumococco esiste la vaccinazione.

Potrebbe anche interessarti