San Paolo, non solo sediolini: “Sarà uno degli stadi più moderni e funzionali d’Italia”

Continuano senza sosta i lavori allo stadio San Paolo in vista delle Universiadi 2019. Tutto deve essere pronto per il 3 luglio, data d’inaugurazione della XXX Edizione dell’Universiade Estiva. Come appreso da un comunicato stampa, i lavori non riguarderanno solo il cambiamento dei sediolini, che è in fase di lavorazione, ma anche gli impianti luci e audio che sono già funzionanti. Sono state installate delle casse potentissime che assicurano una potenza del suono di 1400 W per le tribune superiori e 400 W per quelle inferiori.

L’impianto luci è stato sincronizzato a quello audio per garantire un gioco di luci e suoni e con la possibilità di garantire una gestione autonoma di ogni fascio di luce. Sarà ristruttura anche la pista d’atletica leggera che è già in fase di lavorazione.

L’architetto Filomena Smiraglia, direttrice dei lavori, si è così espressa in merito: “Parliamo di un investimento che, unitamente all’installazione dei nuovi sediolini, farà del San Paolo uno degli stadi più moderni e funzionali d’Italia; sicuramente l’impianto pubblico più moderno e tecnologico. Audio e Luci saranno all’avanguardia avendo utilizzato materiali e tecnologie di ultimissima generazione. C’è da essere fieri per il lavoro svolto. Il San Paolo avrà in dotazione una pista di Classe Uno, tanto per intenderci la stessa prevista per Olimpiadi e Mondiali di atletica leggera, un plus che permetterà anche dopo Napoli 2019 di organizzare e ospitare gare di livello internazionale”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più