Salvini a Napoli, tante promesse: 592 agenti in più e pugno duro contro la camorra

Napoli – Un incremento di 592 agenti per il capoluogo campano. È quanto è stato annunciato ieri da Matteo Salvini in prefettura in occasione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Una misura contenuta nel decreto sicurezza bis, il quale dovrebbe essere varato la prossima settimana.

Esso prevede, tra le altre misure, la cosiddetta norma “spazza-clan”: 800 assunzioni in 2 anni per la notifica delle sentenze.

Sono circa 12.000 solo a Napoli quelle ancora non notificate secondo la relazione del presidente della Corte di appello. Per risolvere le questioni aperte nella città non però bastano personale e telecamere, c’è bisogno di lavoro e cultura, secondo il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che nel pomeriggio ha illustrato i dati alla stampa in prefettura dopo il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

137 gli agenti già arrivati in città, mentre il piano di riorganizzazione delle questure prevede, per quella partenopea, il passaggio dalle attuali 3.740 unità a 4.332, con un incremento di 592 agenti.

Napoli ha beneficiato di 243mila euro per il contrasto allo spaccio di droga intorno alle scuole (operazione “Scuole sicure”), e ottenuto 6,7 milioni di euro spalmati in 3 anni per potenziare la sicurezza urbana, anche attraverso la possibilità di assumere agenti della Polizia locale. 150mila euro, invece, nel 2018 e 249mila nel 2019 per la lotta all’abusivismo commerciale sulle spiagge della costa (operazione “Spiagge sicure”).

Per l’acquisto e l’installazione di telecamere di videosorveglianza sono stati erogati 1,43 milioni, e 4,21 per la messa in sicurezza di scuole e strade in 53 comuni sotto i 20mila abitanti della provincia.

Ancora sul fronte del contrasto all’illegalità, sono iniziati gli sgomberi degli occupanti abusivi anche nell’area metropolitana di Napoli.

Salvini ha annunciato inoltre l’intenzione di presentare al Parlamento un pacchetto di misure contro le mafie, un piano di unità nazionale che richiede l’appoggio di tutte le forze del Paese: governative, parlamentari, sociali, del volontariato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più