L’allarme non ha funzionato: così è evaso il detenuto da Poggioreale

EvasoA più di una settimana dal caso, emergono nuovi particolari dell’evasione di Robert Lisowski. Stiamo parlando del 32enne detenuto polacco, che il 25 agosto scorso è riuscito ad evadere dal carcere di Poggioreale, a Napoli. Una cosa del genere non accadeva da più di 100 anni nella casa circondariale partenopea.

Alla fine, grazie all’aiuto delle telecamere e degli esperti, si è riuscito a vedere che l’alert sonoro non ha funzionato. Non si sa ancora se per quali ragioni, ma l’allarme alla fine non ha suonato e ha permesso a Lisowsky di fuggire senza essere minimamente scoperto dalle guardie carcerarie.

In seguito il soggetto avrebbe utilizzato delle lenzuola arrotolate come fune, appendendosi al muro di cinta e riuscire a scavalcarlo. I metal detector non sono riusciti a visualizzare i lenzuoli, dato che il detenuto è riuscito a nasconderli, usandole come fasce intorno al corpo, sotto la camicia. 

Nel frattempo le indagini vanno avanti, per capire se l’evasione era un qualcosa di evitabile dalle guardie e dal sistema del carcere oppure no.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più