Anteprima: le foto del restauro della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano

Dopo quasi due anni ci siamo. E’ in dirittura d’arrivo il restauro della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano in largo Banchi nuovi.

I lavori di restauro del bene monumentale di proprietà della Curia arcivescovile sono stati formalizzati nel 2017. Circa 600 mila euro il costo complessivo dei lavori. Soldi stanziati grazie agli interventi del Grande Progetto Centro storico di Napoli’ per la Valorizzazione del sito Unesco.

Erano previsti 14 mesi per il risanamento strutturale, il restauro architettonico e delle superfici decorate, nonché l’adeguamento funzionale ed impiantistico della chiesa. Ora l’Assessorato Urbanistica e Beni Comuni di Napoli con un post su Facebook, mostra in anteprima l’avanzamento dei lavori:

Al termine delle operazioni di restauro la chiesa sarà riaperta al pubblico. Un luogo centrale, nel centro storico di Napoli (sito Unesco), che ospiterà convegni e attività espositive e formative.

Con il restauro della Chiesa, si punta quindi anche a riqualificare l’intera zona, abbandonata negli ultimi anni. La chiesa infatti sorge nel punto dove prima esisteva la loggia dei Banchi Nuovi. L’edificio venne fondato nel ‘600 e poi modificato nel corso del secolo. Al suo interno c’è l’altare maggiore settecentesco sul quale era posta una tavola di Antonio Rimpatta (attualmente esposta al Museo Diocesano). Stessa sorte è toccata agli altri dipinti presenti negli altari laterali trasferiti in altre sede. Tra questi vi era ‘Il Supplizio del fuoco dei santi Cosma e Damiano’  attribuito a Luca Giordano.

La Chiesa prende il nome dai santi Cosma e Damiano. Si racconta che i due erano fratelli gemelli che svolgevano la professione di medici e guaritori a Roma. Ma entrambi curavano le persone gratuitamente, senza richiedere in cambio nessuna somma in denaro. Per questo furono soprannominati Anargyroi, dal greco antico Ανάργυροι, “senza argento” o “Santi non mercenari”. Tradizione vuole che sotto l’impero di Diocleziano riuscirono a convertire anche diverse persone alla fede cattolica.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più