SputtaNapoli su Facebook: “Scippati turisti di Natale”, ma il video è di settembre

il mattino sputtanapoli rapina turisti natale“Rapina a via Toledo: così gli scippatori accolgono i turisti di Natale a Napoli”. Con questo titolo è stato pubblicato, sulla pagina Facebook da 1,3 milioni di fan di uno dei maggiori quotidiani di Napoli, un video che mostra uno scippo che però ha avuto luogo a settembre.

Si sarà trattata, verosimilmente, di una distrazione di chi gestisce la pagina social. Eppure a qualche ora di distanza, e nonostante le proteste contenuti in alcuni commenti, il post non è stato ancora modificato. Ancora distrazione e superficialità? Oppure quel titolo è semplicemente più “interattivo”? Tra l’altro, lo stesso quotidiano nella giornata di ieri ha pubblicato la notizia dell’arresto dei due rapinatori, titolando: “Scipparono prezioso collier a una turista in via Toledo, due giovani arrestati a Napoli dopo tre mesi”. Nell’articolo è specificato: “una rapina avvenuta nel mese di settembre 2019 ai danni di una turista italiana nella centrale Via Toledo”. Deduciamo, allora, che chi lavora in questo giornale non lo legge, o lo fa in maniera quanto meno distratta. Buona regola sarebbe, per di più, leggere i commenti. Intendiamoci, siamo esseri umani e l’errore può sempre capitare, ma ad un certo punto qualcuno dovrebbe accorgersene.

commento rapina a via toledoQuello che è certo è che, in un periodo importante come quello natalizio, non fa del bene alla città di Napoli un titolo del genere. L’utente medio, abituato a scorrere in fretta e velocemente i post su Facebook, distingue difficilmente la realtà dalle distorsioni, come è evidente grazie al fenomeno delle fake news.

Non si tratta di voler nascondere un fatto evidente, lo scippo è avvenuto e su questo non ci piove, però si dovrebbe fare più attenzione quando, su una pagina di 1,3 milioni di fan, si associano le parole Napoli – criminalità – turisti. La nostra città è già sofferente, già gode di una cattiva nomea nonostante i dati ISTAT affermino che è più sicura di tante altre città italiane: non inventiamoci cose che non esistono, non giriamo inutilmente il coltello nella piaga.

Di seguito il video della rapina. Basta aguzzare un po’ la vista e si legge, in alto, la data della registrazione da parte della telecamera di videosorveglianza.

Potrebbe anche interessarti