Coronavirus: aperti i negozi per animali, sono considerati beni di prima necessità

Dopo le ulteriori restrizioni di ieri sera a causa del Coronavirus, in molti si sono posti la domanda sull’apertura dei negozi per animali. Ebbene, il Direttore generale per la salute animale, ha dichiarato il pet food come bene di prima necessità.

Possono tirare un sospiro di sollievo tutti gli amanti degli animali. I negozi dedicati ai nostri amici pelosi rimarranno aperti regolarmente in quanto il cibo viene considerato bene di prima necessità anche per loro.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

A seguito del decreto di Conte è infatti stata tempestiva la richiesta di Assalco, Associazione Nazionale Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da compagnia, al Ministero della salute.

LEGGI ANCHE
iMask: nasce al Sud la mascherina leggera, trasparente e che non si butta via

Il direttore ha quindi richiesto di tener conto delle esigenze degli animali, in particolar modo di quelli con problemi di salute. Questi ultimi infatti, in alcuni casi possono essere nutriti solo con alimenti specializzati del pet shop.

Insomma niente paura, gli animali domestici di tutto il Paese non patiranno la fame. L’unico problema per quanto li riguarda, è fare attenzione quando li si porta a spasso, anche in questo caso infatti bisogna rispettare alcune semplici regole.

Ricordate inoltre che non c’è bisogno di far indossare la mascherina al vostro cane quando andate in giro.

Potrebbe anche interessarti