Video. Germano Bellavia contro il decreto sul Coronavirus: “Ve lo mettiamo in c**o”

Napoli – Il noto attore di “Un posto al soleGermano Bellavia, proprietario dell’omonima pasticceria, ha postato un video su facebook dove critica le scelte governative di costringere gli italiani a casa a causa del Coronavirus.

Germano Bellavia ha sbottato sul web contro lo Stato. Un video dove mostra tutto il suo disprezzo per il lavoro che sta svolgendo ora il governo. L’attore è talmente infuriato da dichiarare “Se mi viene il Coronavirus mi devo schiattare nel Parlamento 3 anni.”

Frasi che poco si addicono al suo personaggio storico che interpreta da ben 24 anni nella soap più longeva della TV italiana. Serie televisiva che però non sta attraversando un buon momento.

Dopo aver ricevuto vari insulti sul web Bellavia ha fatto marcia indietro ed ha sostenuto che si trattava solo di uno scherzo, per riempire le giornate noiose dei cittadini in quarantena, ed ha quindi cancellato il video postandone uno nuovo.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene.

Frasi che non sono state accolte bene dai suoi fan che non credono alle scuse dell’attore. Piuttosto, scrivono i suoi follower, è stato un momento di rabbia che doveva evitare di pubblicare in rete.

Queste le parole più forti del video: “Ci dicono che dobbiamo stare chiusi in casa, che possiamo stare con i nostri cari. Mo che sf****** dite a fare che i locali sono chiusi? Volete mandarci al manicomio? Ve lo mettiamo in c**o.”

“Qual è la cosa più sporca al mondo? i soldi. La prima cosa che doveva fare lo stato era bloccare la moneta. Ma se bloccavi la moneta allora come ti potevi mangiare tutti i soldi? Dovete buttare il sangue.”

Queste le sue parole nel secondo video dove afferma di essere stato un bravo attore e che si trattava di uno scherzo: “Davvero ci siete cascati? Allora significa che 24 anni di televisione mi sono serviti, sono diventato un buon attore.”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più