Coronavirus, al Cotugno si sperimenta la cura con il plasma: si cercano donatori

plasma sangueUfficiale, al Cotugno partirà la sperimentazione per la cura al plasma.  Ultimamente la notizia di un possibile miglioramento dei malati di covid grazie alla cura al plasma sta facendo il giro del web e dei notiziari molto in fretta. Anche il dottor Ascierto si è espresso sull’argomento.

In questi giorni era trapelata la notizia che la cura al plasma per i malati di covid sarebbe arrivata anche al Cotugno, ora è ufficiale. In allegato comunicato stampa dell’Azienda Ospedaliera dei Colli sul via libera da parte del comitato etico alla sperimentazione con plasma iperimmune.

A seguito della riunione del Comitato Etico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Luigi Vanvitelli e dell’Azienda Ospedaliera dei Colli, presieduto dal professore Liberato Berrino, è stato dato il via libera alla sperimentazione, presso l’Ospedale Cotugno, per il trattamento delle polmoniti da Covid 19 con il plasma iperimmune“. A darne notizia Maurizio di Mauro, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO).

“Grazie a questo importante atto approvato oggi dal Comitato etico, che ringrazio per la solerzia e la celerità con la quale ha operato – aggiunge di Mauro – siamo pronti a partire anche noi con questo nuovo trattamento sperimentale”.

La sperimentazione, guidata da Roberto Parrella, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Malattie infettive ad indirizzo respiratorio dell’ospedale Cotugno, si avvarrà anche della collaborazione del centro trasfusionale dell’Ospedale Monaldi, diretto da Bruno Zuccarelli.

La prima fase coinvolgerà tutte le Unità operative complesse del dipartimento di Malattie infettive del Cotugno, guidato da Rodolfo Punzi, e consisterà nel reclutamento dei donatori, ossia di soggetti guariti che presentino un’elevata carica anticorpale disposti a donare il plasma che, una volta trattato, sarà poi utilizzato per il trattamento dei pazienti.

Era per noi estremamente importante intraprendere anche questa strada per offrire agli ammalati colpiti da questo virus tutti i piani terapeutici possibili e per avere un’altra arma importante, che già altrove sembra dare risultati molto confortanti, in questa battaglia che stiamo combattendo quotidianamente ormai da diversi mesi“, conclude di Mauro

Potrebbe anche interessarti