Napoli, i ristoratori protestano con tavole apparecchiate: “Pretendiamo rispetto e dignità”

Confcommercio Campania

Nelle ultime ore si è svolta una protesta che ha avuto come protagonisti i ristoratori campani giunti sotto la sede della Regione. La Fipe Confcommercio, infatti, è scesa in strada per opporsi alle stringenti limitazioni subentrate con il nuovo Dpcm per il comparto ristorativo. Sulla pagina “Confcommercio Campania” sono stati postati foto e video girati sul posto.

La manifestazione era già stata annunciata pochi giorni, e ha interessato varie zone d’Italia, fa con tanto di locandina in cui si legge: “Siamo a terra”. A riprova della disperazione che sta animando la classe dei lavoratori italiani, messi in ginocchio già dal lockdown di marzo.

Tra i partecipanti, imprenditori, barman, camerieri e tutte le figure addette alla ristorazione. Quasi tutti vestiti di nero, a voler simboleggiare quasi la “morte” delle proprie attività, altri in divisa da lavoro. A terra varie tovaglie apparecchiate con piatti e posate. Queste ultime utilizzate, poi, dai manifestanti che hanno iniziato a batterle l’una contro l’altra, o sui piatti, in segno di protesta.

Il tutto per dare voce alle imprese in maniera pacifica: “Vogliamo semplicemente avere dignità. Siamo disposti ad accettare qualsiasi limitazione purché sia concordata. Non possiamo subire in un mese nuove ordinanze e dpcm che vanno a limitare la vita delle nostre aziende e dei nostri lavoratori. Pretendiamo dignità e rispetto.”

Qualcuno regge la gigantografia di uno scontrino fiscale, intestato alla Regione Campania e al Governatore De Luca, in cui sono elencate le varie perdite: 1,5 miliardi di fatturato perso, 700 milioni di stipendi persi, 60 mila lavoratori, 9 mila aziende a rischio per un valore di oltre 7,5 miliardi. Alla fine compare la scritta “Scusate ho fallito”.

La protesta dei ristoratori campani è solo una delle tante intercorse in questi ultimi giorni. Tutte accomunate dalla preoccupazione di un popolo scosso dalla crisi economica aggravata dall’avvento della pandemia.

Confcommercio Campania

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più