La storia incredibile che nessuno conosce: la donazione di una benefattrice fa tornare a Napoli due cervelli in fuga

Napoli Con l’approssimarsi delle feste Natalizie, arrivano anche le favole. Quelle a lieto fine. Così, anche l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” ha deciso di raccontarne una. I protagonisti sono tre: una anonima benefattrice e due nefrologi (tutti di Napoli) considerati i classici cervelli in fuga.


Grazie alla donazione sono state istituite due Borse di 300mila euro nell’UOC di Nefrologia del Policlinico alle quali hanno partecipato i due professionisti rientrati dall’America e dalla Francia. Entrambi avevano dei piani molto diversi per la propria vita, ma essendo venuti a conoscenza della possibilità di tornare a Napoli non ci hanno pensato due volte.

Oggi, a distanza di 4 anni, sono Ricercatore e Professore e lavorano nella Clinica Nefrologica cercando di onorare, ogni giorno, quella donazione che gli ha cambiato la vita. La donna, che ad oggi resta nel mistero, sembra abbia vissuto vicissitudini con la figlia, forse con problemi renali, risolte dal Policlinico Vanvitelli. Da lì, la donazione.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più