Napoli, degrado in città: sequestrati Villa Ebe e il Cimitero dei Colerosi di Poggioreale

Villa Ebe

Sono passati 21 anni, tre sindaci e cinque giunte comunali: ma del restauro di Villa Ebe, il gioiello architettonico di Lamont Young acquistato da Palazzo San Giacomo nel 1997 e lasciato in stato di abbandono dopo il devastante incendio doloso del 14 marzo 2000, non si è mai vista l’ombra.

Villa Ebe, conosciuta anche come il Castello di Pizzofalcone, è un monumento nel cuore di Napoli che è stato sottoposto a sequestro poiché occupato abusivamente e a rischio crollo.

I sigilli a Villa Ebe sono stati apposti con l’obiettivo di evitare ulteriori danni al monumento, oltre a quelli già riscontrati sulla facciata e in alcuni spazi interni, e scongiurare il pericolo di crolli. Il bene, pur sottoposto a vincolo, era stato occupato abusivamente da una coppia di immigrati polacchi che sono stati sgomberati. Adesso la struttura dovrà essere messa in sicurezza.

Il degrado della città di Napoli, che dimentica troppo facilmente le sue bellezze storiche ed architettoniche non si ferma qui. Oltre al Castello di Pizzofalcone ad essere sequestrato è stato anche il Cimitero dei Colorosi di Poggioreale. Le indagini riguardano il danneggiamento di 13 sepolcri. Secondo l’accusa, sulle tombe sarebbero stati sversati materiali di risulta durante l’esecuzione di lavori edili ritenuti abusivi. In particolare, lo sbancamento di terreno per la realizzazione di un parcheggio avrebbe provocato la caduta di un muro sulle tombe

Potrebbe anche interessarti