Napoli Film Festival nel segno di De Sica, Eduardo e Troisi

Napoli film festival, De Sica

Partirà il 29 settembre, la XVI edizione del Napoli Film Festival, e sarà un vero e proprio viaggio nel mondo del cinema internazionale, di ieri e di oggi.

Quest’anno, la rassegna cinematografica si svolgerà sotto il segno di tre maestri napoletani scomparsi a dieci anni di distanza l’uno dall’altro: Vittorio De Sica, Eduardo De Filippo e Massimo Troisi.

L’omaggio a De Sica prevede la proiezione di alcuni capolavori come Ladri di biciclette, La ciociara, Ieri Oggi e domani, L’oro di Napoli e Matrimonio all’Italiana. In ricordo di Eduardo, saranno proiettati sul grande schermo Questi fantasmi e Napoletani a Milano.

Lo sguardo nel cinema di Troisi avverrà attraverso lo schermo del Metropolitan, dove verranno riproposte cinque opere da lui dirette e interpretate: Ricomincio da tre, Scusate il ritardo, Non ci resta che piangere, Le vie del Signore sono finite, Pensavo fosse amore… invece era un calesse.

napoli film festival

Ci sarà un’ampia retrospettiva dedicata a Michelangelo Antonioni, sul cui cinema è incentrato il concorso fotografico Fotogrammi, ricordato attraverso la riproposizione di Cronaca di un amore, I vinti, La notte e Deserto rosso). I percorsi d’autore usciranno anche dai confini italiani: saranno omaggiati il regista polacco Roman Polanski (Repulsion, Il coltello nell’acqua e Cul de Sac e una serie di cortometraggi), il maestro francese Alain Resnais (Hiroshima mon amour, L’anno scorso a Mariembad, Mio zio d’America e Melò proiettati presso l’Istituto di Cultura francese di via Crispi) e i due registi baschi contemporanei Julio Madem (La ardilla roja, Vacas, Lucya y el sexo e Siete dias en La Habana) e Pablo Berger (Torremolinos83 e Blancanieves).

Il viaggio cinematografico oltrepasserà l’oceano attraverso la sezione 41° Parallelo (che unisce Napoli a New York), un’occasione per gli appassionati per riscoprire la comicità surreale dei fratelli Marx attraverso due film: La guerra lampo dei Fratelli Marx e Una notte a Casablanca.

Potrebbe anche interessarti