MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Turris-Monopoli, i corallini perdono 1 a 2: inizio shock nel primo tempo

turris monopoliTorre del GrecoLa Turris ospita il Monopoli in casa e torna a giocare avanti al proprio pubblico. I tifosi corallini hanno aspettato questo giorno per 20 anni, visto che lo scorso anno non hanno potuto sostenere la propria squadra al ritorno in Lega Pro. E’ la seconda giornata di campionato, la Turris arriva dal pareggio – con un po’ di amaro in bocca in casa del Taranto. Il Monopoli invece, arriva dalla netta e prestigiosa vittoria per 3 a 0 contro il Catania.

Green Pass alla mano e tanta voce in corpo, i supporters di casa non hanno fatto mancare ai ragazzi in campo il loro supporto, così come i tifosi ospiti arrivati dalla Puglia. Una Turris confusionaria conclude la partita con tanto possesso palla (sterile), molte occasione sprecate nel primo tempo e la prima sconfitta stagionale.

Il match tra Turris e Monopoli

Il primo tempo inizia subito in salita per la squadra di casa, colpita a freddo da 2 gol del Monopoli dopo soli 7 minuti. Il primo per un errore difensivo di Perina che sbaglia il rilancio e trova Starita che lo beffa dopo soli 60 secondi. Lo 0 a 2 invece trova la firma di Arena che, sul primo corner dei bianco verdi, stacca di testa e beffa la difesa.

Corallini però che non si perdono d’animo e sfiorano più volte il gol che avrebbe accorciato le distanze. Al 30′ arriva l’episodio che potrebbe svoltare la partita: il Monopoli ha un calcio di rigore. Starita si presenta dal dischetto ma Perina questa volta dice no, si fa perdonare dell’errore e tiene in vita la sua squadra. Prima frazione che termina con 2 gol di svantaggio per la squadra di casa che ora è costretta a rincorrere e scoprirsi per poter recupera il risultato.

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo, con la Turris che prova ad agguantare la rete e il Monopoli che si difende ordinato dietro. Al 22′ arriva finalmente il gol della squadra di casa, che trova l’1 a 2 con una botta da fuori aera di Tascone che infila l’estremo difensore bianco verde nell’angolino basso. Rete che però non dà quella spinta decisiva alla squadre che nella successiva metà del secondo tempo non riescono mai a rendersi pericolosi e trovare il gol del pareggio.

Potrebbe anche interessarti