La storia di Alex, bimbo malato di 12 anni deriso sui social per il suo peso

Domenica 7 ottobre, il 12enne Alex Buonocore, tifosissimo del Calcio Napoli, scende in campo con i suoi idoli per il posticipo pomeridiano dell’ottava giornata di Serie A tra gli azzurri ed il Sassuolo: potrebbe essere l’inizio di un sogno, invece il tutto si trasforma in un incubo. Colpa dei tanti, troppi, utenti social che allo scorrere dei primi piani sui calciatori, prima del fischio iniziale, si soffermano sul peso di Alex piuttosto che sul suo sorriso o sui suoi occhi emozionati.

Ne derivano una serie di post cattivi e vergognosi, non giustificabili dal non sapere della malattia con cui Alex combatte praticamente da quando è nato, e che per pochi minuti quel pomeriggio in mezzo allo stadio dei suoi beniamini aveva cancellato.

post su bambino obeso

Da cancellare, invece, sono rimaste solo le battute, ipotesi per nulla divertenti su cosa potesse aver arrotondato la pancia di un ragazzino di soli 12 anni, dal più classico pallone a Lorenzo Insigne in persona. Nessuno ha pensato, invece, che potesse essere stata una malattia. Ma se anche fosse stata pura golosità, nessuno dovrebbe arrogarsi il diritto di offendere, per giunta pubblicamente, una qualsiasi altra persona, a maggior ragione se minorenne.

Alex Buonocore

Fortunatamente tanti, in questi ultimi giorni, sono anche i messaggi giunti a difesa di Alex – sempre attraverso i social network – che hanno invece condannato duramente chi si è macchiato di una simile vergogna e che hanno augurato al ragazzo una pronta guarigione dal suo male, sicuramente molto più curabile della stupidità dei tanti che l’hanno offeso.

Potrebbe anche interessarti