Acerra, cerca di uccidere il cugino per denaro: arrestato 19enne

Acerra (Na): tentato omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma da fuoco aggravati dal metodo mafioso. I Carabinieri danno esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Acerra, arrestato per tentato omicidio

Per delega del Procuratore della Repubblica distrettuale di Napoli, si comunica quanto segue. Ad Acerra i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.i.p. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di E. T., 19enne acerrano, gravemente indiziato di “tentato omicidio volontario” e “porto e detenzione illegale di arma da fuoco”, reati aggravati dalle modalità mafiose.

T., per gli inquirenti, ha tentato il 15 marzo scorso di uccidere il cugino di 23 anni perché non gli consegnava una somma legata a un affare illecito.

L’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e diretta dalla D.D.A. partenopea, è stata avviata a seguito del tentato omicidio avvenuto in Acerra il 15 marzo scorso, in danno di un 23enne, cugino dell’arrestato.

All’esito dell’attività investigativa:

– a carico di E. T. sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza in ordine alla materiale esecuzione del tentato omicidio;
– si è compreso che il movente del delitto sia ragionevolmente individuabile nel credito di una somma di danaro che l’autore del delitto aveva nei confronti della vittima per un affare illecito.

Potrebbe anche interessarti