Manfredi: “Attesi 100mila rifugiati dall’Ucraina a Napoli e provincia”

profughi ucraina
Foto: International Committee of the Red Cross, pagina Facebook

Centomila rifugiati dall’Ucraina sono attesi nell’area metropolitana di Napoli. Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, intervenuto a Radio 24.

Manfredi: “Attese 100mila persone”

Napoli, insieme a Milano, ha la comunità ucraina più grande d’Italia. – ha detto il primo cittadino – In città abbiamo più di 50mila persone, quindi ci aspettiamo dei numeri molto importanti che del resto stiamo già misurando in questi primi giorni con i ricongiungimenti parentali”.

“La valutazione – continua – che facciamo è che, se ogni persona richiama due persone, noi potremmo avere anche 100mila persone tra la città di Napoli e la prima fascia dell’area metropolitana, quindi numeri molto grandi“.

Rifugiati ucraini, gli aiuti da Napoli

Napoli sta aiutando i rifugiati in tutti i modi. Il Comune di Napoli ha attivato una serie di iniziative in stretto contatto con il Consolato: attivazione di uno spazio comunale di prima accoglienza; sensibilizzazione all’accoglienza gratuita presso famiglie private, b&b, alberghi, comunità per minori e strutture ecclesiastiche; supporto ed accompagnamento psicologico, legale e di mediazione culturale.

Attivati, inoltre, dalla Regione Campania due centri di riferimento per gli ucraini che giungeranno nella nostra regione. Uno al consolato e l’altro all’Ospedale del Mare. Aperti dalle 9.00 alle 18.00 dispongono di uno sportello/ufficio immigrazione della Polizia di Stato, di uno sportello dell’ASL Napoli 1 Centro che servirà a generare il codice STP (Straniero Temporaneamente Presente) valido 30 giorni, di uno sportello informazioni e di una postazione per tamponi (tampone antigenico per ricerca eventuale positività al Covid).

Potrebbe anche interessarti