Melillo scelto come nuovo Procuratore Antimafia: è attualmente a capo della Procura di Napoli

melillo procuratore antimafiaÈ Giovanni Melillo il nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo. L’attuale Capo della Procura di Napoli ha infatti sconfitto Nicola Gratteri ottenendo la maggioranza del Consiglio Superiore della Magistratura con 13 voti contro i 7 del procuratore di Catanzaro. Cinque voti invece sono andati a Giovanni Russo, aggiunto e sinora reggente della procura nazionale antimafia e antiterrorismo.

MELILLO NUOVO PROCURATORE ANTIMAFIA: I VOTI

Melillo, 61enne nato a Foggia, è stato anche capo di gabinetto di Andrea Orlando quando era ministro della Giustizia. Come reso noto dalle agenzie di stampa, è stato appoggiato dai gruppi di Area e Unicost, dai laici Michele Carabona (Forza Italia) e Alberto Maria Benedetti e Filippo Donati (M5s) e dal primo presidente Pietro Curzio e dal procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi. A favore di Gratteri hanno votato i togati ‘indipendenti’ Sebastiano Ardita e Nino Di Matteo, e i tre componenti di Autonomia e Indipendenza, i laici Stefano Cavanna e Emanuele Basile (Lega) e Fulvio Gigliotti (M5s), relatore della proposta a favore del capo della procura di Catanzaro. Per Russo hanno votato invece l’intero gruppo di Magistratura Indipendente e il laico di Forza Italia Alessio Lanzi.

LA CARRIERA

In magistratura dal 1985, Melillo ha iniziato la sua carriera come pretore presso la pretura di Barra e, in seguito, nel 1989, presso la pretura di Napoli. Dal 1991 al ’99 ha lavorato come pm a Napoli, mentre tra il ’99 e il 2001 è stato fuori ruolo presso la presidenza della Repubblica.

Nel marzo 2001 è passato poi alla Dna come pm, mentre dal 2009 al 2014 ha svolto funzioni di procuratore aggiunto a Napoli. E ancora: dal 2014 al 2017 è stato fuori ruolo al ministero della Giustizia per svolgere l’incarico di capo di Gabinetto dell’allora Guardasigilli Andrea Orlando. Rientrato in magistratura, Melillo è stato per un periodo sostituto pg a Roma, prima di insiediarsi, nell’agosto 2017, a Napoli come procuratore capo, incarico di vertice che ha ricoperto fino ad oggi.

Potrebbe anche interessarti