Sorelle sfregiate con l’acido, si indaga per “deturpazione permanente”: pene fino a 14 anni

La Procura di Napoli ipotizza il reato di “deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso”. Insieme con la Squadra Mobile della Questura partenopea, sta indagando sul grave episodio avvenuto ieri poco dopo dell’una lungo corso Amedeo di Savoia.

Sorelle sfregiate con l’acido: pene fino a 14 anni

Due sorelle di 24 e 17 anni sono rimaste ustionate da sei persone, che viaggiavano su tre scooter, che hanno lanciato contro di loro dell’acido prima di scappare.

Il reato contro la deturpazione permanente della persona prevede una condanna dura, che va dagli otto ai quattordici anni di reclusione. Dopo l’agguato le due ragazze sono state trasportate all’ospedale Cardarelli dove sono state ricoverate nel reparto “grandi ustioni”. La sorella più grande ha riportate lesioni alla guancia sinistra e ad un braccio, mentre la più piccola alla guancia destra ed al naso.

Le giovani sono state ricoverate al Cardarelli che ha fatto sapere in una nota che le due sorelle stanno bene e sono già state dimesse. Prossimamente dovranno ritornare per interventi di chirurgia plastica:

In merito alle ragazze aggredite con l’acido, sono state visitate in pronto soccorso al Cardarelli, anche con una consulenza del chirurgo plastico. Dopodiché sono state dimesse dal pronto soccorso non essendo necessario un ricovero, ritorneranno a visita di controllo in seguito“.

Si indaga sul movente passionale

I Carabinieri stanno indagando sull’episodio anche se le due sorelle hanno dichiarato di non aver riconosciuto nessuno a bordo dei motorini. Le giovani sarebbero state affiancate da un trio di coetanee che avrebbero poi lanciato l’acido contro di loro. Il movente pare sia di origine passionale, come riferisce LaRepubblica.it. Si indaga sui social e tra i messaggi delle ragazze.

Potrebbe anche interessarti