Napoli, pistola puntata in faccia per rubare il Rolex: tre rapine in pochI giorni ai clienti di un bar

napoli rubare bar
Screen video il Mattino

Continuano le rapine ai danni di esercizi commerciali nel napoletano. L’ultimo episodio riguarda un bar a pochi passi dal Lungomare di Napoli che è stato il bersaglio preferito dei malviventi per ben tre volte in pochi giorni. A essere rubati sono stati soprattutto orologi da una banda che agisce tra i turisti anche alla luce del giorno.

NAPOLI, TRE RAPINE PER RUBARE OROLOGI AI CLIENTI DI UN BAR

A renderlo noto è stato ‘IlMattino‘ che racconta la storia dei titolari del bar di via Santa Lucia. Ad un turista indonesiano è stato infatti sfilato un orologio del valore di circa 400 mila euro in pieno pomeriggio di sabato mentre alle 4 di notte di lunedì si è puntato all’incasso forzando la saracinesca e rubando dalla cassa. Giovedì invece è toccato ad un ragazzo napoletano a cui è stata puntata una pistola per farsi consegnare il Rolex (poi rivelatosi falso).

LA DENUNCIA DELL’INVIATO DI STRISCIA

Alcune di queste rapine sono state riprese dalle videocamere di sorveglianza e hanno fatto il giro del web arrivando anche all’inviato di Striscia la Notizia Luca Abete che scrive sul suo profilo:

Il bar dei record: 3 rapine in una settimana! Si trova nei pressi di Castel dell’Ovo ed è frequentato da molti turisti che soggiornano negli hotel di lusso della zona. Nel video pubblicato da ilmattino si vede chiaramente l’azione del rapinatore: casco in testa, arriva, avvicina la vittima dopo averla seguita a lungo e sotto minaccia si fa consegnare l’orologio. Nello stesso luogo, in pochi giorni, una rapina notturna con scasso e un altro orologio da 4000 euro rubato ad un altro turista. E a proposito di orologi, quando capiranno che è giunta l’ora di tutelare turisti ed esercenti???“.

Nel filmato, che dura pochi secondi, si vede un uomo con casco in testa e pistola in mano minacciare un ragazzo e strappargli via l’orologio quando al bar sono seduti diversi clienti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da luca abete (@lucaabete)