Campi Flegrei, svelati i segreti del bradisismo grazie ai serbatoi magmatici: lo studio

studio campi flegreiIn questi ultimi anni la terra nei Campi Flegrei ha tremato più volte per colpa del bradisismo (397 solo nel mese di gennaio). Il livello di allerta è stato aumentato a giallo ma secondo la Protezione Civile tutto è sotto controllo nonostante i continui sciami sismici. Ora è l‘Istituto Nazionale di Vulcanologia Italiana, insieme a un team multidisciplinare, a pubblicare un nuovo studio che svela i segreti di questo fenomeno che contraddistingue la zona dei Campi Flegrei.

CAMPI FLEGREI, STUDIO SUI SERBATOI MAGMATICI ALL’ORIGINE DEL BRADISISMO

Come si può leggere nella ricerca pubblicata sulla rivista ‘Journal of Geophysical Research: Solid Earth’ dell’AGU, è stata definita l’architettura del sistema magmatico profondo dei Campi Flegrei all’origine della dinamica della caldera, di fondamentale importanza anche per la valutazione della pericolosità vulcanica dell’area.

Le caldere sono depressioni vulcaniche formate dal collasso delle rocce a tetto della camera magmatica che viene svuotata durante enormi eruzioni”, spiega Lucia Pappalardo, ricercatrice dell’INGV e co-autrice dello studio. “Spesso manifestano delle fasi di ‘unrest’ (ovvero di ‘squilibrio’), con frequenti terremoti, sollevamento del suolo (il cosiddetto ‘bradisismo’) e un considerevole flusso di gas e calore. Tuttavia, poiché questa attività è dovuta alle complesse interazioni tra magma e sistema idrotermale immagazzinato sotto il vulcano, è sempre difficile identificare la sorgente e prevedere l’evoluzione di queste manifestazioni”.

Lo studio ha spiegato che le variazioni della composizione dei gas fumarolici dipendono dalla depressurizzazione e cristallizzazione di due principali sorgenti magmatiche: una più profonda, situata tra 16 e 12 km sotto il livello del suolo, che ha alimentato la crisi bradisismica del 1982-84 trasferendo un significativo volume di magma (3 km3) verso la seconda sorgente localizzata a circa 8 km di profondità. Quest’ultima, ha invece alimentato i gas fumarolici durante la crisi iniziata nel 2000 e attualmente ancora in corso.

ANALIZZATO IL MAGMA

I ricercatori hanno esaminato le minuscole gocce di magma intrappolate nei cristalli dei prodotti vulcanici emessi nel corso delle eruzioni flegree degli ultimi 15.000 anni, ricostruendo in questo modo l’architettura del sistema magmatico profondo dei Campi Flegrei.

Attraverso modelli termodinamici è stato possibile riprodurre gli scenari di degassamento magmatico profondo che negli ultimi decenni hanno controllato le variazioni della composizione chimica e del flusso dei gas fumarolici misurati alla Solfatara”, aggiunge Gianmarco Buono, vulcanologo dell’INGV e co-autore della ricerca.

Potrebbe anche interessarti