Reddito di cittadinanza a camorristi e familiari dei boss: sequestri per decine di migliaia di euro

Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza e camorra. I Carabinieri stanno eseguendo sequestri in danno di diversi soggetti indebitamente percettori del beneficio e legati a più clan camorristici partenopei.

Reddito di cittadinanza e camorra: sequestri nel Vesuviano

Dalle prime luci dell’alba a Torre Annunziata, Torre del Greco, Castellammare di Stabia, Vico Equense, Terzigno, San Giuseppe Vesuviano, Volla e Pontecagnano i Carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata stanno eseguendo un sequestro preventivo per decine di migliaia di euro per indebita percezione del reddito di cittadinanza nei confronti di soggetti legati ai clan camorristici “D’Alessandro”, “De Luca Bossa-Minichini”, “IV Sistema”, “Batti”, “Di Gioia-Papale” operanti nell’area orientale di Napoli, in quella vesuviana, oplontina e stabiese.
Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica oplontina, che ha coordinato l’articolata indagine dei Carabinieri del locale Nucleo Investigativo volta ad individuare indebiti percettori del reddito di cittadinanza.

Seguiranno maggiori dettagli.

33 arresti a Napoli, smantellata grossa piazza di spaccio nel rione “Penniniello”

33 arresti per spaccio lo scorso mese. I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, nelle province di Napoli, Caserta, Salerno, Cosenza, Ragusa e Caltanissetta, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali, emessa dal G.l.P. del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 33 persone, gravemente indiziate dei reati di detenzione e cessione illecite di sostanze stupefacenti, delle quali 3 anche del reato di detenzione illegale di arma comune da sparo e ricettazione e 6 altresì del reato di estorsione, per un totale di 184 capi di imputazione.


Potrebbe anche interessarti