Giornate Europee del Patrimonio 2016: musei a 1 euro e aperture straordinarie

giornate europee del patrimonio“L’eredità culturale è un insieme di risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione. Essa comprende tutti gli aspetti dell’ambiente che sono il risultato dell’interazione nel corso del tempo fra le popolazioni e i luoghi”.

E’ la comunità l’erede culturale di un paese, ossia i suoi cittadini. Questo sarà il punto focale delle Giornate Europee del Patrimonio, programmate per il 24 e 25 settembre: ispirandosi alla Convenzione di Faro, l’edizione #Gep2016 punta a sottolineare la centralità del cittadino e la sua fruizione della cultura comunitaria.

LEGGI ANCHE
Gragnano, Valle dei Mulini. Restaurato un edificio del 1650: nasce un nuovo pastificio

Decine di eventi saranno allestiti non solo nelle case istituzionali della cultura, come Musei e Palazzi ma anche in Istituti e poli museali privati, Fondazioni e case d’arte, continuando la Festa dei Musei che il 2 e il 3 luglio attirò un massiccio pubblico.

L’anno scorso l’affluenza ha visto circa 380.000 visitatori solo nei luoghi statali, per cui quest’anno le stime sono in crescita.

Saranno previste anche aperture serali delle strutture, per circa 3 ore, con il prezzo simbolico di 1 euro.

Per gli appuntamenti, le info specifiche e il programma completo, si può cliccare il sito ufficiale dei Beni Culturali/Mibact.

Potrebbe anche interessarti