Santuario di Pompei, storia e curiosità: dalla benedizione delle auto agli ex voto

Il Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario è situato a Pompei, in provincia di Napoli, ed è considerato tra i più importanti luoghi di culto in Italia. Fu visitato dai più celebri personaggi e Santi del mondo cattolico come, ad esempio, Giuseppe Moscati, San Pio da Pietrelcina, Papa Benedetto XVI, Papa Francesco e da Papa Giovanni Paolo II, il 7 ottobre del 2003, esattamente 14 anni fa.

La storia del Santuario si lega inevitabilmente a quella del suo fondatore, Bartolo Longo, un avvocato della provincia di Brindisi, che si trasferì a Pompei per amministrare le proprietà della sua futura sposa, la Contessa Marianna De Fusco.

L’avvocato Longo  e la sua coniuge istituirono, nella Chiesa del SS. Salvatore, la Confraternita del Santo Rosario, allo scopo di divulgare il culto della Vergine del Rosario. Il 13 novembre 1875, a Pompei, arrivò l’immagine miracolosa della Vergine e questa fu per Bartolo la giusta spinta per impegnarsi a raccogliere i fondi necessari alla costruzione di un Santuario dedicato alla Vergine.“Un soldo al mese” fu questo il titolo della raccolta spontanea per la costruzione del luogo sacro.

Il Santuario fu edificato inizialmente a croce latina e con un’unica navata, nel 1876, e il suo progetto fu seguìto a titolo gratuito dal Docente dell’Università Federico II Antonio Cua. Successivamente Giovanni Rispoli si occupò della decorazione degli interni e della facciata dove è presente la statua, in marmo di Carrara, della Vergine del Rosario, opera di Gaetano Chiaromonte. Nel 1901 il Santuario, grazie a Papa Leone XIII divenne Basilica Pontificia.

Divenuto ormai tappa obbligatoria per i credenti e i pellegrini, tra il 1934 e il 1939, il Santuario fu ampliato grazie all’architetto e sacerdote Monsignor Spirito Maria Chiapetta. La sua struttura a croce fu mantenuta, mentre il numero delle sue navate fu incrementato, si passò da una a tre navate totali. Attualmente con i suoi 2.000 mq è in grado di accogliere oltre 6.000 fedeli.

I locali adiacenti il Santuario sono divisi in quattro corridoi, lungo i quali sono esposti, da oltre cento anni, gli ex-voto devozionali dedicati alla Santa Vergine e non solo. Gli “Ex voto” deriva dal latino “ex voto suscepto” e significa letteralmente “secondo la promessa fatta”.

Gli ex voto sono delle testimonianze di fede espresse mediante doni – foto, testi, oggetti, dipinti – che vengono offerti a Dio, alla Vergine o ad un Santo come forma di ringraziamento per la grazia o il beneficio ottenuto.

I primi ex voto cominciarono ad affollare i corridoi nel momento in cui iniziò a diffondersi il culto della Madonna del Rosario, quindi proprio a partire dal 1875, data della costruzione del Santuario.

Tuttavia le motivazioni per cui rivolgersi alla Madonna non finiscono qui, il Santuario è celebre anche per la benedizione dell’automobile affinché la Santa Vergine vegli, con amore, sulle persone che la utilizzeranno, proteggendole durante i viaggi. È possibile benedire il proprio veicolo privato tutti i giorni, la mattina dalle 9.00 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 17.00 alle 19.00.

Inoltre, tra le tante cose, al Santuario, è possibile recarsi anche per il noleggio o l’acquisto di un abito da sposa donato da altre sposine come segno di solidarietà e di devozione alla Santa.

Dove: Piazza Bartolo Longo, 80045 Pompei
Altare Maggiore
– SS Messe Festive: ore 6.00, 7.00, 8.30, 10.00, 11.00, 12.30, 16.00, 17.00, 19.00, 20.00
– SS Messe Feriali: ore 7.00, 8.30, 10.00, 11.00, 12.00, 16.00, 17.00, 19.00
Cappella Beato Bartolo Longo
– SS Messe Festive: ore 8.00, 9.30, 10.30, 11.30, 13.00, 17.30, 18.30
– SS Messe Feriali: ore 7.30, 9.30, 10.30, 12.30, 17.30
Chiusura santuario dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 15.00

Per maggiori info: consultare il sito www.santuario.it

Fonte

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più