“Comme facette ‘a Nonna”: usanze, riti e credenze nel Meridione del mistero

nonna

“La memoria richiama alla mente un passato che è fondamentale per capire i nostri comportamenti di oggi. Infatti è nella memoria che ritroviamo tutte le tracce degli avvenimenti, a volte non eccezionali, ma per noi particolarmente significativi, che ci hanno permesso di diventare ciò che siamo”

Romano Battaglia.

Senza memoria non vi è passato e senza passato non vi è identità. Ogni uomo ha bisogno di conoscere le proprie radici, la propria provenienza, per comprendere fino in fondo se stesso e la società in cui vive, così come ogni popolo per sopravvivere alla modernità, dovrebbe conoscere e valorizzare le proprie tradizioni, gli usi e i costumi di generazioni antiche che, seppur lontane, continuano a mantenere un’eco di vitale importanza per la sopravvivenza della propria cultura.

Spesso ignoriamo che, proprio nel sapere collettivo dei nostri progenitori, si nascondevano verità incontrovertibili acquisite più che dallo studio, dall’esperienza, e che in alcune di queste possono essere rintracciate oggi basi e fondamenti scientifici allora sconosciuti che ci hanno permesso di sopravvivere e di arrivare fin qui.

centro antico

Senza la memoria saremmo incapaci di vedere, di udire o di pensare. Non avremmo un linguaggio per esprimere la nostra situazione, e di fatto neppure un senso della nostra identità personale. In breve, senza memoria saremmo dei vegetali, intellettualmente morti” e l’unico modo che abbiamo per evitare la morte intellettuale prospettata da Alan Baddeley, è ricordare e raccontare.

Da qui l’esigenza di raccogliere in una nuova rubrica, tutte le tradizioni e gli antichi saperi che ci hanno reso parte di un popolo straordinario, parte di un regno le cui tracce sono ancora ben visibili in tutto il meridione.

L’Italia meridionale conserva tutt’oggi una lunga lista di affascinanti credenze e rituali, tal volta magici, che hanno contribuito a rendere la nostra terra luogo di cultura e sapere, oltre che di grande fascino e mistero. Leggende, usanze, riti e convinzioni che andrebbero recuperate per far si che quella sapiente memoria collettiva non si disperda per sempre, fino a perdersi!

Il giorno dei morti: usanze, tradizioni e folklore nel Sud Italia

“Aglie, fravaglie, fatture ca nun quaglie”: la Jettatura a Napoli

Gli oggetti della disgrazia nella superstizione napoletana

L’antica credenza delle Janare e i tanti metodi per tenerle lontane

La strana notte di San di Giovanni: rituali magici e cerimoniali segreti nella Campania del mistero

Le erbe di San Giovanni che allontano malocchio e malattie

Video. La Taranta e il morso magico guarito dalla musica

Il Malocchio. Cos’è e come si toglie

La paura e il rito 

Il rito de ‘o vota seggia (o della sedia di paglia)

La scopa di saggina e i riti per purificare la casa

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy