Caciocavallo, bontà del sud. La ricetta per prepararlo in casa

peroli_caciocavallo_gargano

Parlare di cucina, non vuol dire solo ed unicamente occuparsi di una particolare ricetta che ci piace proporre ai nostri commensali, ma anche e forse soprattutto, imparare a conoscere quelli che sono i prodotti tipici che amiamo consumare quasi quotidianamente a pranzo e a cena.

Oggi, vogliamo spostare la nostra attenzione, su uno dei formaggi più semplici ma apprezzati, il famoso “caciocavallo”. Come spesso accade, anche per il Caciocavallo, sono diverse le ipotesi sull’origine del nome di questo formaggio, ma la più accreditata sembra essere quella che attribuisce al nome caciocavallo, il modo in cui le forme di formaggio vengono fatte stagionare, proprio “a cavallo” di una stanga di legno.

Il caciocavallo è un formaggio a pasta filata, dalla caratteristica forma allungata, detta “a pera”, tipico del Sud Italia, e sono ben tre quelli quelli più famosi, il Caciocavallo d’Agnone, il Caciocavallo Podolico (più raro da trovare), e il Caciocavallo Silano che dal 1996 è divenuto DOP.

Oggi, vogliamo proporvi la ricetta per preparare in modo artigianale questo formaggio, un modo alternativo per gustare un prodotto, fatto direttamente con le vostre mani. Vediamo insieme cosa occorre, seguendo la ricetta del portale faromagio.it.

-Ingredienti:

  • 12 l di latte non pastorizzato
  • 1 bicchiere di siero acido
  • 1 cucchiaino abbondante di caglio
  • 2 litri d’acqua e mezzo chilo di sale (per la salamoia)

-Procedimento:

Scaldare e mescolare il latte fino ad una temperatura di 38 gradi . Quando il latte avrà raggiunto la temperatura desiderata, spegnere il fuoco ed aggiungere il siero acido e il caglio diluito con un po’ d’acqua. Mescolare ancora e coprire la pentola con delle coperte.

Dopo circa 50 minuti, girare la pasta ottenuta dal primo passaggio, in modo energico, fino ad ottenere una sorta di grana molto fine, di una grandezza pari ad un chicco di riso, poi attendere circa 10 minuti per eliminare gran parte del siero ottenuto.

Scaldare il siero ottenuto ad una temperatura di circa 40 gradi e versarne una brocca (di circa 0,8 litri), nella pentola per poter staccare la pasta dai bordi.  Togliere ancora una brocca di siero e continuare a riscaldarlo.

A questo punto, procedendo con l’operazione, bisognerà eliminare tutto il siero con l’aiuto di un piatto per toglierlo completamente. Tagliare ora la pasta in due parti, il siero avrà intanto raggiunto una temperatura di 55 gradi, versarlo intorno alla pasta staccando così le due parti divise ed aggiungerne un quantitativo tale da poter coprire tutta la pasta. Coprire la pentola con delle coperte e lasciar riposare per un’ora e mezza.

Trascorso il tempo necessario, togliere le due parti di pasta e poggiarle su di un piatto capovolto per consentire così maggiormente l’eliminazione totale del siero. Quando la pasta ne risulterà completamente priva,  in un recipiente moto capiente tagliarla nel senso della sua lunghezza, in fette di spessore non superiore a 1-2 mm.

Versare sopra alle fettine ottenute, l’acqua portata ad una temperatura di 8o gradi circa, fino a ricoprirle tutte. Buttare l’acqua poco dopo, versandone altra nuova e poi iniziare a lavorare la pasta con l’aiuto di un cucchiaio di legno, piegandola e unendola più volte.

Ottenere adesso due pagnotte di pasta, ognuna delle due dovrà essere lavorata spingendo le dita verso l’interno  e facendo girare la palla di pasta.

Sempre lavorando in questo stesso modo e tenendo orizzontalmente la palla di pasta, chiudere le estremità, immergendola in acqua calda per riuscire a lavorarla. Una volta fatto questo, procedere alla formazione della testa del Caciocavallo, per farlo, bisogna non interrompere mai la lavorazione altrimenti la pasta si raffredda e sarà impossibile modellarla ancora. Una volta formata anche la testa, ovvero la parte superiore del caciocavallo, poggiare il formaggio su di un canovaccio precedentemente bagnato in acqua fredda, e attendere che raffreddi completamente.

Quando il Caciocavallo sarà completamente freddo, procedere alla salamoia. Portare ad ebollizione due litri d’acqua con un mezzo chilo di sale, lasciar raffreddare e immergere il caciocavallo per due ore.

Trascorso il tempo indicato, appendere il formaggio in un luogo fresco e asciutto, facendo attenzione che non tocchi su nessuna superficie altrimenti potrebbe deformarsi.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più