“Anche a Secondigliano si può!”: l’iniziativa che porta speranza nella sanità

Cadere nei luoghi comuni è sempre sbagliato, ma è purtroppo anche vero che certi luoghi fanno parlare di sé soprattutto per aspetti negativi.

Il quartiere della periferia nord di Napoli, Secondigliano, è uno di questi luoghi dove malaffare e abusivismo conquistano largo terreno. Si pensi solo a uno dei fatti più recenti, e nemmeno tra i più gravi, quello degli allacci abusivi alla rete elettrica e idrica di cui si era parlato qualche settimana fa. Ma Secondigliano non è solo criminalità e notizie di cronaca nera.

Con lo slogan “Anche a Secondigliano si può!” si apre un progetto. Venerdì 25 ottobre alle ore 11.00, presso la Casa di Cura Santa Patrizia di Secondigliano, ci sarà la presentazione di questo progetto avviato con la collaborazione dell’Asl di Napoli 1.

Al centro ci sarà la cura delle ulcere infette presenti nei pazienti affetti da diabete o sclerodermia. Alta è la fama del Centro della Casa di Cura Santa Patrizia di Secondigliano ed è totalmente gratuito e senza prenotazione.

Tale iniziativa nasce dal lavoro e la tenacia di due donne: la direttrice Rosalia Liguori e la Prof.ssa Angela Groger, che dal mese di settembre del 2017 cura i pazienti con le ulcere infette.

Tenere sotto controllo le ulcere, dovute a patologie specifiche, sta dimostrando di essere un rimedio significativo per la diminuzione della quantità di amputazioni in Campania. Risulta esserci un esito molto positivo della chiusura delle ferite sia nei tempi di convalescenza che come stile di vita successivo.

La Casa di Cura offre un servizio importante alla popolazione del territorio campano.

4.000 visite specialistiche

2.000 ricoveri in regime convenzionato

ZERO amputazioni maggiori

100% buona Sanità

Interverranno:

alle ore 11 la prof.ssa Angela Groger (Chirurgo Vascolare)

alle ore 11,30 il dott. Antonio Vosa (Chirurgo Vascolare)

alle ore 11,45 il dott. Antonio Apolito (Chirurgo Plastico)

ore 12.00 Coffee Break

Venerdì 25 ottobre alle ore 11.00, siete tutti invitati alla Casa di Cura Santa Patrizia di Secondigliano!

Potrebbe anche interessarti