Un calice di vino nel Parco di Paestum: tornano gli aperitivi al Museo con ingresso gratuito

aperitivi paestum

Sorseggiare un calice di vino davanti allo scenario spettacolare del Tempi e dei giardini di Paestum. Da domani 6 febbraio tornano gli aperitivi al Museo. Un appuntamento fisso che si tiene tutti i giovedì dalle ore 18:00 alle 19:30, in concomitanza con l’ingresso gratuito al Parco Archeologico.

Per il primo appuntamento a disposizione dei visitatori ci saranno i vini e gli oli dell’azienda ERMMÀ. Un calice di Locus Amoenus Aglianico Cilento DOP, 100% aglianico in purezza o di Melissa, Fiano al 50% + Trebbiano, Albana e Malvasia. Inoltre due varianti di Olio ExtraVergine d’Oliva: gocce di Principio Cilento DOP e PYX Cilento DOP.

Un’iniziativa che oltre a mettere in mostra le bellezze della nostra terra, ha anche una finalità sociale. L’associazione Amici di Paestum, referente dell’iniziativa, grazie ai proventi degli aperitivi organizzerà visite per ragazzi e ragazze con disturbi dello spettro autistico. Già da tempo il Parco organizza delle visite nei depositi del Museo per persone con esigenze speciali. I percorsi di visita, denominati “Un tuffo nel blu”, sono curati dell’associazione Cilento4All che, con le Università “Federico II” e “Parthenope” di Napoli, conduce una ricerca su come l’arte possa essere strumento di comunicazione alternativa e di terapia cognitiva.

LEGGI ANCHE
Una notte al Museo, apertura straordinaria dei musei tutti i sabato sera. Ecco quali in Campania

L’ingresso al Museo di Paestum dalle 18 è gratuito per tutti (ultimo ingresso possibile è alle 18.50). Il costo dell’aperitivo è invece di 8 euro.

“La raccolta fondi con gli aperitivi organizzata dagli Amici di Paestum ci consentirà di incrementare l’offerta per famiglie con un figlio o una figlia con bisogni speciali, senza creare barriere economiche – dichiara il direttore del Museo, Gabriel Zuchtriegel. Al tempo stesso, gli aperitivi del giovedì continueranno a essere un momento di aggregazione e confronto per il territorio, all’insegna di una nobile causa”.

Potrebbe anche interessarti