Napoli, riapre Il Cartastorie: un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta della storia di Napoli

Venerdì, 11 settembre, riapre il Cartastorie, suggestivo museo dedicato all’archivio della Fondazione Banco di Napoli, sita in via Tribunali.

Dopo un lungo periodo di chiusura, a seguito del lockdown, finalmente è stata fissata la data di riapertura al pubblico. Quest’ultimo potrà godersi la visita in tutta tranquillità, guidato dai membri dell’associazione NarteA. Sarà possibile accedere in gruppi di cinque persone alla volta, nel rispetto delle norme anti-Covid.

Non si tratta di una semplice visita ma di un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, fino al 1593, alla scoperta della storia di Napoli, ricostruita attraverso gli innumerevoli documenti presenti nell’archivio. Un modo per entrare a contatto con la realtà della città partenopea, quella che l’ha caratterizzata in passato e che ha segnato il suo presente.

Al Cartastorie sarà possibile riscoprire le anime di coloro che hanno segnato il vissuto del Mezzogiorno d’Italia, racchiuse nel patrimonio dell’Archivio Storico del Banco di Napoli e raccontate dal percorso multimediale Kaleidos. Un tuffo nel passato, immergendosi in storie d’amore, di rivolte, di schiavitù e di passioni.

Per accedere è obbligatoria la prenotazione sulla piattaforma Eventbrite, specificando l’orario di arrivo. Il museo sarà aperto dalle ore 16:00 alle ore 20:00. Gli itinerari si terranno ogni mezz’ora. L’ultimo è previsto per le 19:30.

RIEPILOGO INFO:

Cosa: riapre Il Cartastorie
Quando: dall’11 settembre
Dove: Fondazione Banco di Napoli, in Via Tribunali
Prenotazioni: Eventbrite

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più