Santiago Calatrava in mostra a Capodimonte: l’artista si racconta in 400 opere

Photo: profilo Instagram di architime.ru

Santiago Calatrava arriva a Napoli e si racconta in 400 opere in mostra al Museo e Real Bosco di Capodimonte, dal 6 dicembre 2019 al 10 maggio 2020. Calatrava sottolineerà l’amore che prova per la città di Napoli e ciò si evince già dal titolo dell’esposizione: “Nella luce di Napoli”.

La mostra si dirama tra quattrocento opere: sculture, disegni e maquette e divisa tra il secondo piano del Museo e l’edificio del Cellaio nel Real Bosco. L’innovativa esposizione è curata dal direttore di Capodimonte Sylvain Bellenger e Robertina Calatrava, moglie dell’arista. Il progetto è realizzato grazie al sostegno della Regione Campania, organizzata dalla Scabec, società regionale dei beni culturali, in collaborazione con lo Studio Calatrava.

Santiago Calatrava, classe 1951, architetto spagnolo, ingegnere, pittore, scultore, disegnatore, si può dire un artista a 360 gradi,  esporrà le maquette delle architetture più importanti da lui realizzate. Tra queste la Stazione dell’Aeroporto di Lione “Saint-Exupéry”. E ancora, il World Trade Center Trasportation Hub di New York, denominato “Oculus”, in memoria dell’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle. Altresì, è risaputo che Calatrava è sempre alla ricerca di un equilibrio tra volume e luce, elementi essenziali del suo concetto di architettura. Santiago esporrà anche le idee progettuali in merito al Ponte per Genova in tre versioni offerte alla città dopo il crollo del Ponte Morandi.

Per il Real Bosco di Capodimonte e per l’intera Napoli esporre le opere di Calatrava è un onore. Infatti, l’architetto spagnolo, specializzato in ingegneria strutturale, ha ricevuto tantissimi riconoscimenti. Membro onorario del Royal institute of British architects, Calatrava ha ricevuto la laurea honoris causa del politecnico di Valencia. L’artista ha vinto anche il Prix d’excellence di Toronto per la BCE place gallery. E non solo: nel 2005 gli è stato assegnato all’artista il premio medaglia d’oro dall’American Institute of Architects. La mostra si prospetta un eccellente momento sia per gli appassiona e fan dell’autore, attento alle forze che attraversano le costruzioni, sia per i curiosi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più