Tokyo 2020, partita la spedizione: chi sono i campani pronti a conquistare una medaglia

tokyo 2020 campani
In foto da sinistra a destra – Irma Testa, Giovanni Abagnale e Vincenzo Dolce

Accantonata – ma mica troppo – la vittoria dell’Italia all’Europeo, è ora di pensare alle Olimpiadi di Tokyo. La cerimonia d’apertura è programmata per il 23 luglio, mentre il torneo finirà l’8 agosto. La nazionale italiana scenderà in campo con 384 atleti (record nazionale per la competizione). I campani che prenderanno parte alla spedizione di Tokyo 2020 saranno 23sesta regione per numero di atleti – e molti sono quelli che hanno come obbiettivo quello di arricchire il proprio medagliere e quello dell’Italia.

Chi sono i campani pronti a partire per Tokyo 2020

ATLETICA

Partendo dall’atletica, la regina dei giochi olimpici, il primo campano che incontriamo è Alessandro Sibilio. Classe 1999, nato a Napoli è un ostacolista e velocista italiano specializzato nei 400 metri ostacoli. Il suo palmarès è già di tutto rispetto: campione europeo under 18 a Tbilisi 2016 e vice-campione europeo under 20 a Grosseto 2017.

Teodorico Caporaso, è beneventano, classe 1987, marciatore, 50km, ha partecipato già ai Mondiali, agli Europei e nei Mondiali a squadre del 2016 a Roma ha conquistato il quarto posto individuale.

E’ nata ad Aversa, Raphaela Lukudo, da genitori sudanesi, classe 1994, è una velocista specializzata nei 400 piani.

PUGILATO, KARATE E JUDO

La boxe femminile ha fatto il suo esordio ai Giochi Olimpici di Londra 2012 e quest’anno a rappresentare i nostri colori a Tokyo, ci saranno anche Angela Carini ed Irma Testa.

Angela nata a Napoli nel 1998, parteciperà nella categoria welter. Nel 2015 ha vinto la medaglia d’oro ai campionati mondiali di pugilato femminile per la categoria youth organizzati dall’Aiba e disputati a Taiwan.

Irma è nata a Torre Annunziata nel 1997 ed è stata la prima pugile italiana a disputare un’Olimpiade durante i Giochi di Rio de Janeiro del 2016. Nel 2019 è diventata campionessa europea nella categoria 57 kg.

Nella specialità del Judo, a rappresentare la Campania ci sarà Christian Parlati. Classe 1998 nato a Napoli, ha sempre fatto del Judo la sua passione – così come quella dell’intera famiglia.

Nella categoria del Karate invece il campano sarà Angelo Crescenzo, classe 1993 nato a Sarno. Nella sua bacheca brillano un titolo mondiale e due argenti e un bronzo europei che lo hanno consacrato come uno dei protagonisti nel panorama internazionale.

SPORT ACQUATICI

Il canottaggio campano, fucina di medaglie, sarà rappresentato da Giovanni Abagnale di Gragnano e Marco Di Costanzo di Napoli, già bronzo nel canottaggio 2 Senza a Rio de Janeiro. Matteo Castaldo e Giuseppe Vicino di Napoli, sono invece i due campani del 4 Senza, bronzo anche per loro, nelle olimpiadi precedenti.

Proprio a Giovanni Abagnale, sono arrivati gli auguri del sindaco di Sant’Antonio Abate: “Parte la spedizione Olimpica di Giovanni Abagnale, bronzo a Rio 2016 nel canottaggio e nostro concittadino! A Giovanni va il nostro più sincero in bocca al lupo in vista delle gare che prenderanno il via il prossimo 23 luglio. Forza Campione,
Sant’Antonio Abate fa il tifo per te“.

Gennaro Di Mauro di Massa di Somma, classe 2001, categoria Singolo senior maschile, ha conquistato il record mondiale nell’indoor rowing . Un ragazzo con grandi prospettive.

Vincenzo Abbagnale farà parte della spedizione olimpionica come riserva, figlio di Giuseppe Abbagnale, nel 2013 ha conquistato due Campionati del mondo, uno nella categoria Under 23, e uno pochi mesi più tardi, nella categoria Assoluti ed un titolo mondiale nel 2014.

Stefania Pirozzi è una nuotatrice beneventana ed atleta polivalente, gareggia infatti a stile libero, farfalla e misto. Ha vinto la medaglia di bronzo agli Europei di Budapest nella staffetta 4×200 stile libero femminile

Anche il nuotatore Mario Sanzullo di Massa di Somma, parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo, ai Mondiali di Budapest nel 2017 ha vinto l’argento nella 5 km a squadre ed alle Universiadi di Gwangju nel 2015 il bronzo nella 10 km.

A rappresentare la Campania ci saranno poi alcuni componenti della squadra di pallanuoto, il fortissimo “7 bello italiano”. Partiamo con Alessandro Velotto, classe 1995 nato a Napoli, il suo è stato un 2019 da incorniciare con scudetto, Coppa Italia, qualificazione ai Giochi Olimpici e medaglia d’oro ai Mondiali.

Vincenzo Renzuto Iodice, anche lui nato a Napoli e anche lui medagli d’oro ai Mondiali. Infine Vincenzo Dolce, nato a Salerno nel 1995. Vincenzo nella finale mondiale è stato decisivo per la conquista dell’oro segnando 2 reti.

PALLAVOLO E ALTRI SPORT

Anche la pallavolo avrà le sue giocatrici campane, parliamo di Cristina Chirichella e Monica De Gennaro, pronte a dare battaglia per conquistare una medaglia prestigiosa.

Ultimi, ma non per importanza, gli atleti della scherma e del tiro al volo. Per la scherma a difendere i colori italiani e l’amore della Campania ci saranno Luca Curatoli – due ori ai Mondiali Under 20 in Bulgaria – e Rossella Gregorio che, alla soglia dei 31 anni vive la sua seconda olimpiade, Rio 2016 era il sogno, Tokyo 2020 quella della maturità.

La specialità del tiro al volo sarà rappresentata da Tammaro Cassandro, nato a Capua nel 1993. Al suo attivo ha già diverse medaglie nella categoria juniores. In categoria seniores nello skeet a squadre invece, due medaglie mondiali: oro a Granada nel 2014, argento a Changwon nel 2018.

Marco Guida, arbitro di Torre Annunziata con numerose presenze in Serie A, non conquisterà una medaglia, ma sarà anche lui presente alle Olimpiadi. Guida infatti è l’unico italiano a comparire nell’elenco, e sarà uno dei venti ufficiali di gara addetti al VAR, il Video Assistant Referee, che per la prima volta farà la sua comparsa alle Olimpiadi.

Potrebbe anche interessarti