De Laurentiis al El Pais svela: “A Higuain non piace giocare con Callejon ma io…”

Higuain De LaurentiisLunga intervista del presidente del Napoli a El Paia. Aurelio De Laurentiis alla vigilia di Napoli-Real Madrid racconta la sua esperienza alla guida del Napoli, dagli albori al match storico di questa sera, svelando anche un retroscena su Gonzalo Higuan. Ecco i passaggi salienti:

“Quando ho iniziato in questo mondo non aveva idea. Ma i primi due anni ho investito 120 milioni di euro. In Serie B ho iniziato a recuperare, e il primo anno in serie A è stato già pagato l’investimento. Quando ho comprato Higuain è stato molto complicato, perché il Real Madrid detiene solo il 50%. Perché? I giocatori non hanno alcuna formazione giuridica e non capiscono i contratti. Né hanno una formazione aziendale. Ma io non capisco come lo sport consenta alle aziende di negoziare direttamente con loro. I ragazzi hanno un contratto con il club, quindi bisognerebbe negoziare con il club. Non è assurdo? Così ho capito che il 99% dei club non sono aziende, sono gestiti dai dipendenti, che hanno una cultura molto diversa.

Poi il retroscena su Higuain: “Personalmente non andavo a cena con lui. Ma sapevo della famiglia molto bene, e devo dire che è esemplare, con un padre straordinario. Poi c’era il fratello che mi ha sempre detto: ‘A Higuaín non piace a giocare con Callejon, compra altri giocatori.’ Non ho l’ho mai fatto perché amo Callejon. Così ho aumentato il contratto di quattro anni. Io non sono un uomo che può essere ricattato.

“Nei miei 12 anni di gestione, Napoli è l’unica squadra italiana che ha trascorso sette anni di fila in competizioni europee. Ho i conti in ordine ed è un record di squadra. Ma essendoci stato Maradona, sembra che non ho fatto nulla”. 

Potrebbe anche interessarti