Reina, tradire Napoli vale 3,5 milioni di euro. Ma la colpa è di De Laurentiis

A giorni si concluderà la telenovela dell’estate azzurra: il rinnovo di Pepe Reina. Negli ultimi mesi, la posizione del portiere del Napoli è rimasta in bilico fino alla fine. Nelle prime uscite stagionali, però, lo spagnolo si è fatto subito trovare pronto. Sembrava un segnale di una ritrovata serenità. Ma, come un fulmine a ciel sereno, è arrivata l’offerta del PSG, pronto a portare Reina a Parigi.

Lo spagnolo è in scadenza di contratto, e De Laurentiis dovrà necessariamente venderlo in questi ultimi giorni di calciomercato se non vorrà perderlo gratis. Un affare che, in linea teorica, accontenterebbe tutti: il Napoli guadagnerebbe dalla sua cessione, e Reina percepirebbe un ingaggio di 3,5 milioni, contro i 2,5 che guadagna attualmente in azzurro. Questa, la valutazione economica. Ben diversa, invece, quella sentimentale.

Reina è un idolo della tifoseria, questo è certo. Non solo ha sposato in pieno la causa del Napoli, ma è diventato un napoletano a tutti gli effetti. In questi anni, tra tweet e dichiarazioni rilasciate alla stampa, Reina non ha mai nascosto il suo amore per la città e per il suo popolo. Insomma, andare al PSG dopo quanto ha dichiarato sembrerebbe, agli occhi dei tifosi, un tradimento. Ma, qualcosa, si è rotto. Anche i matrimoni più belli entrano in crisi.

Sono molte le “separazioni” che hanno visto, in questi anni, campioni assoluti lasciare Napoli: Lavezzi, Cavani, ed Higuain. E adesso, forse, anche Pepe Reina. In tutte queste storie, il punto di rottura è sempre stato uno soltanto: Aurelio de Laurentiis. In questa estate, infatti, non sono mancate le frecciate del presidente, che prima ha rilasciato dichiarazioni poco lusinghiere sulla moglie di Reina, definendolo poi, senza troppo giri di parole, troppo vecchio per continuare a giocare ad alti livelli.

Uno schema che si ripresenta ogni qual volta un big del Napoli si trova con le spalle al muro: o rinnova alle condizioni dettate dalla società, o deve andare via. E’ successo anche con Gonzalo Higuain, criticato da De Laurentiis quando, per un periodo, non riusciva più a segnare con continuità: “E’ normale – disse allora il presidente – è ingrassato!“. Dichiarazioni che hanno finito per logorare il loro rapporto, arrivando poi all’inevitabile rottura.

La storia sembra ripetersi anche con Pepe Reina. In caso di addio il Napoli perderebbe un portiere di livello, difficilmente rimpiazzabile a mercato ormai concluso. Inoltre, verrebbe meno un leader dello spogliatoio, più volte incensato da Maurizio Sarri, che se potesse non se ne priverebbe di certo. Ed un’eventuale partenza creerebbe più di un malumore all’interno del gruppo.

Il PSG, attraverso le parole dell’agente di Reina, è ufficialmente uscito allo scoperto. La palla adesso passa a De Laurentiis: decidere di vendere il portiere, o stoppare tutto e ricomporre un rapporto che sembra, però, giunto alla sua conclusione.

Potrebbe anche interessarti